24/07/18

Recensione di Ignite Me di Tahereh Mafi

Trama: Niente sarà più come prima. Non si sa che fine abbia fatto il Punto Omega. Tutti i compagni di Juliette potrebbero essere morti. Forse la guerra è finita ancora prima di cominciare. Juliette comunque non si arrende: affronterà la Restaurazione. Se vuole sopravvivere, deve sconfiggerla. Ma per abbattere la Restaurazione e l'uomo che l'ha quasi uccisa, le servirà l'aiuto di qualcuno che non avrebbe mai pensato di avere al suo fianco: Warner. E mentre si preparano insieme ad affrontare il loro nemico comune, Juliette scoprirà che tutte le sue certezze - su Warner, sui propri poteri, e perfino su Adam - erano sbagliate.

Ringrazio innanzitutto le ragazze della Lettura di Gruppo, nato su Facebook, con cui leggerò presto la trilogia della Chimera di Praga!

Juliette si risveglia in camera di Warner, scopre che il Punto Omega è distrutto e decide che dovrà affrontare la Restaurazione. Vuole vendicarsi e Warner vuole aiutarla.
Fortuna vuole che, per verificare l'effettiva distruzione della base dei suoi amici, Juliette scopra che un piccolo gruppo è sopravvissuto. Elemento che le dà forza, speranza e spunti in più, per quanto questo generi anche situazioni spinose.


Ed io penso che Juliette sia bipolare forte! Da mega lagna, per quanto la capissi, a voler diventare conquistatrice del mondo. E non è l'unica. 
Qui scopriamo molto del passato di Warner e di quel che cela nel suo cuore. Non perde il suo nerbo, ma siamo passati da psicotico a serpente peluche della Trudy in un battito di ciglia. Destabilizza, ma è anche affascinante.
Per non parlare di Adam, uno dei sopravvissuti, che da bravo ragazzo, dolce e leale, è diventato duro e cinico, per quanto a ragione. 
Ecco, ragazzi, io uno psichiatra lo chiamerei, soprattutto per Juliette ed il suo ego esploso. 
Ci vuole tempo per metabolizzare questi cambiamenti repentini che però rivelano anche un percorso di crescita da parte dei protagonisti. Tutti vengono a patti con loro stessi, prima o poi, rivelando la loro natura ed agendo di conseguenza.

Un punto a favore della Mafi è questo: non è prevedibile. Dal primo volume certo non avrei pensato questo! Sembrava una storia molto individuale, anche emozionante e con un cattivo d'eccezione. 
In tre volumi tutto viene ribaltato ed ampliato, per quanto avrebbe potuto essere più approfondito e, in certe scene, più adrenalinico. Il linguaggio però resta lo stesso, semplice, scorrevole e corredato di frasi brevi. Solo, pian piano le frasi cancellate scompaiono, rivelando la maturità raggiunta da Juliette.
L'unico vero difetto del terzo volume è la rapidità, soprattutto verso la fine. Gli eventi procedono a rotta di collo ed i colpi di scena quindi sono così veloci che sul momento sorprendono e sconvolgono. Ad esempio, per quanto si tratti di una sciocchezza, sono rimasta di sasso scoprendo la vera identità di Delalieu, cui sono affezionata. L'uomo che ha insegnato a Warner a bere il caffè XD

Se ci penso bene alcune cose mi hanno delusa, altre appassionato, ma resta una saga valida e ricca di colpi di scena. Adesso resta la curiosità per il quarto volume già uscito in lingua: Restore Me. Mi fa un pò paura pensare al Comandante che sarà Juliette, ma sono curiosa dei fatti che leggerò ^^".

Ci troveremo alla prossima lettura assieme! Intanto buona estate e tanto relax!

8 commenti:

  1. si è vero la mafi sconvolge tutto in tre libri, tra l'altro molto diversi tra loro. io mi sono divertita tanto a leggere questa trilogia, il gdl è stato ricco di risate e spero con la Taylor di bissarne il successo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gdl è fantastico, sempre! Spero di replicare con la Taylor e di apprezzare la serie. Il primo mi aveva colpito poco.

      Elimina
  2. Ottima recensione, condivido il tuo pensiero!

    RispondiElimina
  3. il finale frettoloso ha infastidito pure me. E Juliette è senza dubbio bipolare!

    RispondiElimina
  4. Anch'io voto per la bipolarità di Juliette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O così o non me lo spiego 😅

      Elimina