21/01/19

Recensione di Ink di Alice Broadway - vol.1

Trama: Immagina un mondo in cui ogni tua azione, ogni evento della tua vita ti viene tatuato sulla pelle, perché tutti lo possano vedere. Immagina se avessi qualcosa da nascondere… Non ci sono segreti a Saintstone: dall'istante in cui si nasce, successi e fallimenti vengono tatuati sulla pelle, così che tutti possano vederli e giudicarti, come un libro aperto. E proprio un libro i morti diventano: la pelle viene asportata, rilegata e consegnata ai familiari, come antidoto all'oblio che è ancora più temibile della morte. A patto che le pagine della vita superino il giudizio del consiglio: in caso contrario il libro viene gettato alle fiamme, e con lui il ricordo di un'intera vita. Quando l'amato papà muore, Leora, sedici anni, è convinta che il giudizio su di lui sarà pura formalità, e invece si rende conto che l'uomo nascondeva dei segreti, ma che di segreti ne cela anche il Consiglio… 

Quando il Rainbow Book Club su Facebook ha deciso di leggere questo volume sono stata anche piuttosto contenta.

La trama è perfetta ed intrigante al punto giusto.
Insomma, ogni fatto importante viene tatuato sulla propria pelle ed ogni marchio sarà decisivo per essere ricordati per sempre dopo la morte oppure dimenticati, senza possibilità di appello. Cosa succede se si hanno grossi segreti?
Leora non si pone proprio questa domanda. E' una cittadina modello e ciò che non riesce proprio a nascondere è il dolore per la morte del padre. Il conforto migliore che lei e sua madre potrebbero avere sarebbe di ricevere prima possibile il libro coi marchi del loro uomo più amato.
Nel mentre Saintstone sta vivendo un periodo tumultuoso: gli intonsi, i non marchiati banditi dalle città, ed i loro simpatizzanti minacciano la città. Il sindaco Longsight non concederà nessuna pietà, anzi renderà più forti le tradizioni e le condanne.
Per la protagonista inizierà un periodo ancora più difficile perché sembra che suo padre non fosse così trasparente e quindi sarà una corsa alla verità.

17/01/19

L'angolo vintage 2.0 #4 - Recensione di Wildwood - I segreti del bosco proibito di Colin Meloy e Carson Ellis

Buongiorno Lettori,

torna, come di consueto, l'appuntamento con l'angolo Vintage, rubrica mensile ideata da La lettrice sulle nuvole.
Lo scopo è ridurre la massa abnorme di letture arretrate che abbiamo, qualunque sia la loro fonte: cartacea, digitale, prestiti di biblioteca ai limiti del rinnovo di volumi vecchi...come nel mio caso e nello specifico del libro di cui parlerò a breve. E di libri accumulati, si sa, ne abbiamo librerie intere/e-redaer belli pieni o comunque ne possediamo molti.
Nella rubrica si possono fare spoiler, chiaramente si cerca di avvisare, ma non è obbligatorio. C'è la massima libertà e questa volta di sicuro non ne farò.

14/01/19

Recensione di Regina delle ombre di Sarah J maas - Il trono di ghiaccio vol. 4

Trama: Ancora una volta nascosta sotto il suo manto da assassina, Celaena è tornata a Rithfold, ma non è più una schiava. Ora è Aelin Ashryver Galathynius, Regina di Terrasen. Tuttavia, prima di riprendere il trono che le spetta, dovrà ancora combattere: scavare tra i ricordi più dolorosi, battersi per la sopravvivenza e lottare contro una passione che potrebbe consumarla. E soprattutto si troverà nuovamente di fronte al suo vecchio padrone, il Re degli Assassini. Pronta a reclamare vendetta. 



"Regina delle Ombre" è il quarto volume della saga "Il trono di ghiaccio", una saga fantasy come tante, all'inizio, molto dinamica, divertente e ricca di colpi di scena. Sin dalla lettura delle novelle però non avrei mai sospettato la piega presa dagli eventi. Che venissero fuori delle novità anche sì, che ci fosse qualcosa sotto ai dettagli incomprensibilmente evidenziati pure (uno sguardo triste, la terra di origine della protagonista nominata a random...), che ci fossero rivelazioni di un certo livello ovvio che sì, ma qui è venuto fuori che Celaena è in realtà Aelin Galathynius, legittima regina di Terrasen. Altro che la migliore assassina di Adarlan, una poveraccia qualunque addestrata presso la Gilda degli Assassini!
La futura sovrana torna a Rifthold perché ha giusto due conti da saldare e un piano da mettere in atto per riprendersi il trono.

11/01/19

Purché sia di serie #1 - Oltre l'infinito di Angela Contini - The Hunted Series n.3

Buongiorno a tutti, Lettori!
Ben ritrovati!

Prima di iniziare chiedo scusa sia all'autrice che all'editore per il ritardo. Purtroppo prima di fine dicembre/inizio gennaio non mi è stato possibile leggere questo volume conclusivo. Impegni, problemi e malanni hanno reso difficile fare tutto. Ogni cosa prendeva il triplo del tempo!
Di conseguenza ho protratto l'attesa pochi giorni ancora per partecipare per la prima volta alla rubrica "Purché sia di serie", ideata da La lettrice sulle nuvole.




Trama: È passato parecchio tempo dall’ultima volta che Dakota ha visto Jay, l’ibrido che genera il fuoco. Dopo aver combattuto fianco a fianco, condividendo ben più della lotta, l’aliena, che oramai si era rassegnata a perderlo per sempre dopo aver realizzato di amarlo, non si aspetta di rivederlo.
Quando accade, chiamati entrambi per compiere una nuova missione contro antichi e nuovi nemici, entrambi si rendono conto di non essersi affatto dimenticati. La passione è quella di sempre, l’antipatia anche, ma stavolta Dakota non è disposta a concedere più nulla a Jay e Jay non è disposto a cedere al desiderio di favola dell’aliena. Fino a quando un evento inaspettato non metterà in pericolo la vita di Dakota. 
L’ombra del nemico, questa volta umano, è spietata, e in un groviglio di eventi in cui Dakota e Jay rischieranno il tutto per tutto, anche il loro rapporto subirà drastici cambiamenti, che li porteranno a cambiare radicalmente il punto di vista sul loro complicato rapporto.


Questo è il terzo volume della serie e non fare spoiler è arduo perché la storia continua, ma io la vedo come una novella sui due visto che cambia il focus sulla narrazione degli eventi ed i personaggi principali. Per lo meno io li vedo come vaghi spoiler.

La storia principale si è conclusa. Abbiamo scoperto chi è Abby, com'è andata a finire la sua storia d'amore, il nemico è stato sconfitto. Insomma, tutto bene quel che finisce bene.

10/01/19

Segnalazione di Iene, Narcisi e Filistei di Andrea Mennini Righini

Buongiorno Lettori,

vi voglio segnalare questa raccolta di racconti di cui non avevo mai sentito parlare.
Il tema mi sembra particolare e raramente esplorato, per quanto si tratti di sentimenti umani, divenuti molto forti in questi anni. Mai come ora, ritengo, che viviamo un'epoca di crisi personale e cattivi sentimenti. Nessuno di noi è perfetto.
Alcune storie sembrano molto atipiche da vivere, altre potrebbero capitarci a giudicare dalla descrizione dell'opera.
 Non ho idea di quando leggerò il volume perché sono piena fin sopra la testa di letture da fare nelle prossime settimane nonché di impegni personali.

Titolo: Iene, narcisi e filistei
Autore: Andrea Mennini Righini
Editore: Echos Edizioni
Genere: racconti
Pagine: 208
Prezzo: 14,00 €
ISBN: 978-88-95463-20-9 Link Amazon: https://www.amazon.it/narcisi-filistei-Andrea-Mennini-Righini/dp/889546320X/ref=sr_1_2?s=books&ie=UTF8&qid=1542987641&sr=1-2&refinements=p_27%3AAndrea+Mennini+Righini

Trama: Nonostante l’estrema varietà narrativa con cui vengono esplicati, i racconti di Andrea Mennini Righini raccolti in Iene, narcisi e filistei si ispirano a pochi temi fondamentali:
l’ipocrisia, l’apparenza e il carattere mendace dell’animo umano. In questi venti piccole storie incontriamo infatti caratteri pieni di colpa, doppiezza e ambiguità; gente apparentemente comune, gettata a fondo nel mare, o nella palude, della propria meschinità. Come l’attempato avvocato che tenta di abbordare una minorenne sull’autobus, la nonnina truffata da finti carabinieri, il peccatore incallito che si finge disabile per evitare la multa, il capitano di ventura che s’innamora del suo nemico e le pie suorine che occultano un omicidio in convento… Il giudizio dell’autore non è mai severo o accanito. Mennini Righini racconta l’assurdo e il grottesco mettendosi nei panni o alle spalle del protagonista di turno, con dolce ironia e cinismo venato di comprensione. Ricercando la parola giusta e il lessico più adatto all’umore della situazione, l’autore riesce a rendere con pochi e rapidi tratti l’ordinaria mostruosità di un personaggio, lo squallore di un ambiente, la tristezza di una storia. Ed è giusto pensare ai racconti di questa raccolta come a un’opera unica: un affresco con tante scene, alcune esilaranti, altre commoventi, ma tutte curiosamente dedicate all’affascinante spettacolo quotidiano della miseria umana.

Biografia:
Andrea Mennini Righini è stato corrispondente di quotidiani e settimanali, funzionario RAI, autore e conduttore di programmi su emittenti locali, responsabile della comunicazione di una grande società dell’energia. Attualmente lavora come avvocato tra Firenze e Malta. Ha già pubblicato Quegli occhi, Scomparso, Niente di nuovo sulla terra e Oltre le colline.

Estratto:
… Oggi toccava a lei recuperare la bottiglietta dalla macchina erogatrice, qualora il professore avesse aderito alla richiesta. Era da un mese in lista d’attesa. La giovane raccolse i due euro, che aveva preparato fin dalla mattina del giorno prima, dalla tasca destra del camice e si avvicinò al distributore, con grazia, quasi furtivamente. Sapeva di avere su di sé gli occhi di tutti e non solo causa del suo bel corpo minuto. Non sbagliò una mossa, ma fu la macchina a tradirla. La bottiglietta verde da mezzo litro di Sangemini andò a incastrarsi tra il vetro e la molla che serve per spingere il prodotto.
La dottoressina sbiancò e divenne un tutt’uno con il cotone del camice che indossava, poi trascolorò nel rosso, due semitoni più tenue della montatura dei suoi occhiali. I colleghi reagirono dapprima con sdegno, poi, persuasi dalla necessità di rimediare, si precipitarono come un solo uomo contro il distributore, rimuovendo con la forza la dottoressa Pelosi, ormai preda dei venti. Due tra i più atletici degli assistenti cominciarono a scuotere la macchinetta colpendola con manate, spallate e testate. La giovane e magra dottoressa Lastrucci, per via delle braccia esili, cercò di intervenire da sotto, infilando la manina dentro il cassetto di consegna delle bevande. S’insinuò nelle profondità meccaniche, torse il braccio e allungò le dita, senza tuttavia riuscire a sfiorare la bottiglia. Ritraendo la mano dal congegno infernale, scoprì di essersi scorticata il polso e storta la falange prossimale del pollice…

Cosa ne pensate? Siete soliti leggere raccolte di racconti?
Io le leggo raramente, ma ogni tanto mi butto.

A domani, con la rubrica Purché sia di serie. Per me è il primo appuntamento.

08/01/19

Sogni di mostri e divinità di Laini Taylor - Lettura di Gruppo - Presentazione

Buongiorno Lettori,

Come sono andate le vacanze? Ve le siete godute? Per me risponde la bilancia XD
E' iniziato l'anno nuovo da qualche giorno e noi cominciamo una nuova lettura, no?
Tanto nuova non è perché concluderemo la trilogia del La chimera di Praga.
Laini Taylor ci ha abituato ad una storia scorrevole che sorprende sempre oltre la metà, quando gli eventi volano e sconvolgono. Ed il finale interrotto sul più bello è una garanzia.
Non so cosa aspettarmi, ma ho paura perché la posta in gioco per la conclusione della trilogia è alta e spero che l'autrice non commetta errori.
Voi quali aspettative avete? Siete pronti per buttarvi in questa nuova avventura?

Intanto vi lascio la trama.

Trama: La misteriosa Karou è una chimera unica nel suo genere: al contrario dei suoi simili, l'eroina della trilogia "La chimera di Praga" ha sembianze umane, impreziosite da meravigliosi capelli blu. È innamorata di Akiva, un angelo dalla bellezza eterea. Angeli e chimere sono però nemici naturali, in lotta da secoli. C'è solo un modo per ristabilire la pace: tentare un'alleanza fra le chimere e quegli angeli che, come Akiva, hanno deciso di ribellarsi al loro imperatore.
In questo terzo e conclusivo capitolo della saga entriamo subito nel vivo dell'azione: l'esercito degli angeli discende sulla Terra, in pieno giorno, in una Roma sfolgorante di sole, con uno stuolo di telecamere intente a riprendere e un pubblico sbalordito a osservare la scena. Nel frattempo, dopo il tradimento che ha portato la sua specie allo stremo, Karou sta ricostruendo l'esercito delle chimere e, grazie a un inganno ingegnoso, è ora alla guida della ribellione contro gli angeli. Il futuro della sua specie dipende da lei, ed è giunto il momento dello scontro finale. Riusciranno Karou e Akiva a realizzare il sogno di una realtà in cui i loro popoli smettano di distruggersi e in cui, forse, potrebbe esserci spazio per il loro amore?

Qui il calendario per non perdervi neanche un appuntamento ed i link dei blog:


L'angolo di lettura

Qui il link del gruppo Facebook per discutere, fare supposizioni, dare di matto e quant'altro sulla lettura in corso.

A venerdì per la prima tappa!

02/01/19

Recensione di Oliver Stone intervista Vladimir Putin

Trama: Oliver Stone, il regista premio Oscar che ha raccontato il potere in tutte le sue forme, realizza un'intervista eccezionale a Vladimir Putin per un documentario trasmesso e discusso in tutto il mondo. Questo libro propone i dialoghi attraverso cui si snoda il confronto tra i due, compresi molti materiali esclusi dal film in fase di montaggio. In un affresco che va dal dopoguerra a Trump, dalla crisi dell'URSS fino alle guerre in Ucraina e Siria degli ultimi anni, Stone firma un documento controverso e fuori dagli schemi, indispensabile per comprendere un protagonista assoluto del nostro tempo e scoprire, dalla sua viva voce, come Vladimir Putin guarda a sé, alla Russia e al mondo intero.


Vladimir Putin. Chi è? 
Oltre alle ovvie risposte, e cioè il presidente della Russia ed il suo comandante in capo, si sa quel che passa dagli articoli di giornale.
Tempo fa ho letto La Russia di Putin di Anna Politkovskaja , con la descrizione di fatti fino al 2004 circa. E questo mi getta comunque nella confusione. La giornalista non si scaglia contro Putin, ma dall'intervista del suo collega non so più cosa pensare.