20/07/18

Recensione de Il catalogo delle donne valorose di Serena Dandini

Descrizione: "È facile per una donna essere valorosa. Il salto mortale per tentare di mettere insieme casa, lavoro (sempre se si riesce a trovarne uno), magari figli e cure sparse a parenti vari... già dovrebbe far scattare una decorazione al merito. Il piccolo inconveniente da secoli è che non c'è nessun podio o inno pronto ad accogliere queste vincitrici, né tantomeno una medaglia da appuntar loro al petto. È un annoso argomento che studiose molto più autorevoli di me hanno già posto all'attenzione mondiale: per semplificare la pratica potremmo dire che, mentre l'Uomo Invisibile è diventato una star cinematografica, le donne spesso sono invisibili e rimangono tali. Eppure le esponenti di quella che una volta veniva chiamata 'l'altra metà del cielo' hanno fatto la storia, contribuendo all'evoluzione dell'umanità in tutti i campi possibili: dall'arte alla letteratura, dalla scienza alla politica, non trascurando la cibernetica e la fisica quantistica; ma per uno strano sortilegio raramente vengono ricordate, con difficoltà appaiono nei libri di storia e tantomeno sono riconosciute come maestre e pioniere: in sintesi, si fa fatica a intestar loro persino una strada periferica." Partendo da questa amara ma indiscutibile premessa, Serena Dandini decide di raccontare le vite di trentaquattro donne, intraprendenti, controcorrente, spesso perseguitate, a volte incomprese ma forti e generose, sempre pronte a lottare per raggiungere traguardi che sembravano inarrivabili, se non addirittura impensabili. Così, una accanto all'altra, introdotte dai meravigliosi collages di Andrea Pistacchi, scorrono le vite di Ilaria Alpi, la giornalista uccisa mentre indagava su scomode verità, Kathrine Switzer, la prima donna a correre la maratona di Boston, Ipazia, che nel IV secolo, contro i divieti ecclesiastici, osò scrutare il cielo per rivelare il movimento dei pianeti, Olympe de Gouges, autrice nel 1791 della rivoluzionaria Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina, fino a Betty Boop che, pur essendo solo una donnina di carta, ha dovuto comunque subire una censura per via della propria esuberanza. In attesa di un riconoscimento ufficiale con tanto di busti marmorei e lapidi a eterna memoria, l'autrice ha affiancato alle protagoniste del suo libro altrettante rose che lungimiranti vivaisti hanno creato per queste donne valorose. "Questo catalogo non ha la pretesa enciclopedica di fare giustizia dell'amnesia collettiva che ha privato la storia di una parte essenziale del suo albero genealogico, ma vuol solo farvi 'assaggiare' quell'epopea sommersa. Se il mondo dei 'padri' illustri ha fatto cilecca in molti campi, per fortuna abbiamo ancora un terreno inesplorato di 'madri' eccellenti e autorevoli a cui rivolgerci con un nuovo entusiasmo - cattive maestre comprese, che non guastano mai in una corretta educazione." Una delle scrittrici più importanti e amate d'Italia scrive un libro appassionante e necessario, restituendo ai lettori le vite di donne formidabili, per alimentarne la memoria e perché possano essere di esempio per le nuove generazioni.

Ho preso questo volume in biblioteca spinta dalla curiosità. Chi saranno mai queste donne valorose?

Release Blitz L'ultimo sorriso di Alfonso Pistilli

Buongiorno a tutti,

oggi vi parlo della  nascita collana Policromia di PubMe, portale di autopubblicazione che ha deciso di creare e curare collane editoriali tematiche, la cui curatrice è Emanuela Navone, blogger che accetta con entusiasmo questa nuova sfida.
Questa collana è dedicata alle voci fuori dal coro, ossia tutti quei romanzi che vogliono raccontare qualcosa al lettore e che non si fermano alle apparenze.
Ed i lettori, si sa, sono onnivori nella maggior parte dei casi, quindi ben venga poter ampliare i nostri orizzonti.

Il primo ad inaugurarla è Alfonso Pistilli con L'ultimo sorriso.

19/07/18

Recensione di Non è detto che mi manchi di Bianca Marconero

Trama: Pietro è il classico nerd: appassionato di videogiochi, brillante informatico e con un carattere chiuso. La sua fidanzata Gaia però non ne può più di vederlo davanti a un computer a programmare. Per non deluderla, Pietro ha accettato di lavorare per una rivista, anche se cova in segreto il sogno di licenziarsi per terminare il videogioco che sta realizzando. Intanto tutta la redazione è in fermento per l'arrivo di Emily, una modella star dei social, che collaborerà con la rivista per qualche tempo. Per Pietro l'arrivo della popolarissima influencer non è altro che l'ennesima scocciatura, ma una serie di coincidenze ed equivoci porterà i due ad avvicinarsi e a scoprire un'affinità sorprendente... Chi avrebbe mai potuto immaginare che mondi tanto diversi potessero comunicare e capirsi? Perché più passa il tempo e più Emily si dimostra essere l'unica persona che sappia vedere Pietro per quello che è davvero. E, per la prima volta nella loro vita, i sogni non sembrano più tanto stupidi, ma straordinariamente realizzabili.

Prima di iniziare è doveroso ringraziare sia Bianca Marconero che lo staff dell'ufficio stampa di Newton Compton Editori, entrambi per la possibilità di aver potuto leggere questo volume in anteprima!

Ammetto di non aver avuto un vero colpo di fulmine con "La prima cosa bella", pur avendo apprezzato la lettura, ma questa trama mi ha ispirato tantissimo. Vivo con un videogiocatore e già qui mi sono sentita coinvolta, ma ero proprio attratta dalla storia.

Fosco è un appassionato di videogiochi, lavora per un giornale che ne tratta e sogna da sempre di terminare e lanciare il suo gioco, ama programmare. Peccato che la sua fidanzata, Gaia, voglia di più e lo spinga a fare domanda per diventare caporedattore, assolutamente non la sua priorità.
Nel frattempo arriva Emilia Levoskova, famosa modella, una Instagirl dell'ultima generazione, che si scontra con il nostro Fosco, il quale la scambia per l'idraulico, dando inizio ad un equivoco esilerante (per noi, meno per loro).

Gruppo di Lettura Ignite Me di Tahereh Mafi - Discussione capitoli 70-78

Buongiorno a tutti,

sono qui, emozionatissima, per l'ultima tappa della lettura di gruppo di Ignite Me! Spero di rendere giustizia alla storia o, almeno, di essere comprensibile.
Se ci seguite per la prima volta, non leggete perché ci sono spoiler, soprattutto oggi che è l'ultima tappa! Però tenete d'occhio il gruppo Facebook: a settembre leggeremo la trilogia della Chimera di Praga di Laini Taylor.

Trama: Niente sarà più come prima. Non si sa che fine abbia fatto il Punto Omega. Tutti i compagni di Juliette potrebbero essere morti. Forse la guerra è finita ancora prima di cominciare. Juliette comunque non si arrende: affronterà la Restaurazione. Se vuole sopravvivere, deve sconfiggerla. Ma per abbattere la Restaurazione e l'uomo che l'ha quasi uccisa, le servirà l'aiuto di qualcuno che non avrebbe mai pensato di avere al suo fianco: Warner. E mentre si preparano insieme ad affrontare il loro nemico comune, Juliette scoprirà che tutte le sue certezze - su Warner, sui propri poteri, e perfino su Adam - erano sbagliate.

Capitolo 70
Siamo nel pieno dell'intrusione alla nave di Anderson, una missione suicida perchè quel posto brulica di soldati.
Juliette è appena uscita illesa da uno scontro coi soldati, testando i suoi poteri forti e sotto controllo e la sua nuova tuta. Ma non ha idea di dove trovare Anderson. E dunque che fa? Come un katerpillar, inizia a sfondare porte, pareti, pavimenti, scendendo sempre più nella nave con l'intento di trovare il Comandante Supremo.
E' arrabbiata e più determinata che mai benché fuori forma, infatti è già senza fiato (tesoro, sicura di voler comandare il mondo? D'accordo, sei snella, forte e flessuosa, ma un pò di resistenza in più...).
Arriva ad una porta, scopre una camera diversa dalle altre e scopre...

18/07/18

Evento: Le forme dell'Aprisogno

Buongiorno Cari Lettori,

arrivo tardi, ma non ho proprio avuto tempo di farvi questo interessante annuncio con qualche giorno d'anticipo. 
Sono stata impegnata e poi cotta dal caldo, alla sera non avevo lucidità per scrivere.

Mi è arrivato questo invito, ma purtroppo non riesco a partecipare. Brutto periodo per muoversi e non ho possibilità di organizzarmi.


Trama: Profondo e penetrante, I Giardini di Sicilia accompagna il lettore in una nuova visione dell'esistenza umana, attraverso il racconto di una ragazza siciliana, Melissa, che si vede improvvisamente costretta a migrare in Lombardia per lavoro.
Qui incontrerà una singolare e misteriosa donna, Consuelo Forero, la quale, giorno dopo giorno, le rivelerà i misteri di un'antica tradizione orale e il sapere occulto che si cela dentro ciascuno di noi.
La trama è un susseguirsi di accenti fortemente esoterici e al tempo stesso riconoscibili e riconducibili, in maniera tangibile, nella vita di tutti i giorni. È forse questa la vera rivoluzione e la nota vibrante di tutta la storia, le cui pagine traspirano rivelazioni finalmente incanalate in una giusta dimensione, capace di dipanare la matassa interiore che abita da sempre tutti noi.

Questo progetto si ispira al libro "I giardini di Sicilia  "di Alessia Intilisano.
La mostra d'arte collegata alla performance sarà visitabile alla Torre del Castello (adiacente la location dell'evento) dalle 15:00 alle 18:00. Per me che amo l'arte è una sofferenza non partecipare.
Patrocinato dal comune di Monzambano e promosso dalla fondazione Città dì Monzambano, l’evento si svolgerà presso il borgo di Castellaro Lagusello (MN), uno dei borghi più belli d’Italia, nel suggestivo giardino interno del B&B Le Quattro Stagioni, via Lazzareto 2, alle ore 21:00 .
Vi aspettano letture interpretate, coreografie, suggestioni grafiche e canti. Alla fine, vi sarà un ampio spazio dedicato a dialogo e domande.
Ho dato un occhio alla location e sto sospirando perché è molto evocativa. Godetevela, se andrete!
Eccovi l'invito. Mi raccomando, è gradita conferma in caso di partecipazione perchè è i posti sono limitati.

17/07/18

Recensione di La ferrovia sotterranea di Colson Whitehead

Trama: «La ferrovia sotterranea» è il nome con cui si indica, nella storia degli Stati Uniti, la rete clandestina di militanti antischiavisti che nell’Ottocento aiutava i neri a fuggire dal Sud agli stati liberi del Nord. Nel suo romanzo storico dalle sfumature fantastiche, Colson Whitehead la trasforma in una vera e propria linea ferroviaria operante in segreto, nel sottosuolo, grazie a macchinisti e capistazione abolizionisti. È a bordo di questi treni che Cora, una giovane schiava nera fuggita dagli orrori di una piantagione della Georgia, si imbarca in un arduo viaggio verso la libertà, facendo tappa in vari stati del Sud dove la persecuzione dei neri prende forme diverse e altrettanto raccapriccianti. Aiutata da improbabili alleati e inseguita da uno spietato cacciatore di taglie, riuscirà a guadagnarsi la salvezza?


La ferrovia sotterranea è una testimonianza scioccante – e politicamente consapevole – dell’eterna brutalità del razzismo, ma si legge al tempo stesso come un’appassionante storia d’avventura che ha al centro una moderna e tenacissima eroina femminile. Unico romanzo degli ultimi vent’anni a vincere sia il National Book Award che il Premio Pulitzer, è un libro che sembra già destinato a diventare un classico.


Sono onorata di aver letto questo libro che ho notato ormai svariati mesi fa.

La storia è ambientata nell'America del Sud, negli ultimi decenni del 1800, quando la schiavitù è ancora forte. Però inizia a tirare un vento diverso: alcuni stati vantano neri liberi, non sembra vero, solo fantasticherie, ma qualcosa comincia a muoversi. L'abolizionismo preme per affermarsi.


Cora è una giovane schiava, abbandonata dalla madre fuggita qualche anno fa. La vita è dura, non riserva sorprese se sei nera. Soffrirai, faticherai, verrai picchiata, violata, i sogni è meglio ucciderli subito. Però arriva il giorno in cui lo schiavo Caesar le chiede di fuggire. Richiesta pericolosa, forse anche una trappola. Tempo un mese sarà lei a cercare il collega di schiavitù. La misura è colma, meglio rischiare la vita per raggiungere la libertà.

E tutto accade per caso, scelgono una notte senza luna, vengono raggiunti a tradimento da una giovanissima schiava e tanto vale portarsela dietro.
E' l'inizio di una fuga lunga, un percorso che porterà questi schiavi nella ferrovia sotterranea, movimento nato in sordina negli ultimi decenni. Purtroppo nulla è mai definitivo per queste persone cui non viene riconosciuto di essere tali. Infatti vengono subito sguinzagliati i cacciatori di schiavi fuggiaschi perché guai a lasciar credere che possono farcela e scappare. Il fuoco della libertà potrebbe divampare.

10/07/18

Recensione di Fancy Red di Caterina Bonvicini

Trama: Lindos, Grecia. È una notte d'estate. Un uomo si sveglia in una lussuosa camera da letto che non riconosce. Sdraiata accanto a lui c'è una ragazza che sta piangendo. Distesa a terra, un'altra donna. È sua moglie Ludovica: morta. «Sei stata tu?» chiede alla ragazza. «No, sei stato tu» risponde lei. Lui è Filippo, fa il gemmologo per Sotheby's. L'incontro con Ludo risale a cinque anni prima: lei, giovane e ribelle, figlia di un finanziere milanese, vuole vendere tutti i gioielli della madre, appena ereditati. Tranne uno: un Fancy Vivid Red, il rarissimo diamante rosso che porta al naso, montato come un piercing. A Filippo i diamanti piace guardarli, non possederli, è la sua regola da sempre. Ma la infrange quando si innamora di Ludo e del suo Fancy Red. Lì comincia la sua fine. Nel giro di sei mesi lui e Ludo sono sposati. Si amano molto, di un amore geloso e passionale, fatto di tradimenti veri e presunti, in un gioco erotico che li porta ai quattro angoli del mondo, da Lisbona a Cuba, dalle Fiandre all'Argentina, alla ricerca dell'avventura perfetta. Di quella notte fatale in Grecia, Filippo non ricorda nulla. Sa solo che lui e la ragazza, nel panico, si sono sbarazzati del corpo, buttandolo in mare. Ludo, per tutti, è annegata durante una nuotata. Ma dieci mesi dopo il diamante ricompare e il caso viene riaperto. Il Fancy Red è tornato, come un fantasma destinato a perseguitare Filippo e a metterlo di fronte alle sue colpe. Può davvero essere stato lui a uccidere la donna che amava? E perché? Per gelosia? Quanto tempo ci vorrà prima che il padre di Ludo e la polizia lo scoprano? Chi è davvero la ragazza con cui lui e sua moglie hanno passato la notte? "Fancy Red" è un noir hitchcockiano, un thriller psicologico pervaso da una suspense costante, una storia d'amore il cui protagonista indiscusso è il desiderio, indomabile e capriccioso come Ludo e la sua pietra.

Quanto è stato difficile leggere questo libro! Se non altro perchè sembrava impossibile o comprarlo o trovarlo, poi un evento sfortunato mi ha permesso l'acquisto!  Non tutti i mali vengono per nuocere...

Ludò e suo marito Filippo sono in vacanza in Grecia. Peccato che una mattina lui si svegli e trovi sua moglie morta. Con lui, in vita, c'è solo la ragazza che li aveva invitati nella sua villa. Lui non ricorda nulla, lei sembra smarrita quanto lui. L'unica soluzione per evitare il carcere è sbarazzarsi del cadavere ed andare avanti.
La vita di Filippo torna alla normalità, ma spenta, grigia, con uno sguardo sempre rivolto al passato ed alla sua colpa. Però il diamante di Ludò torna alla luce, così come quella ragazza e la possibilità di un arresto. Insomma, è nuovamente costretto a fare i conti coi fatti di quella notte.