31/12/19

Classifica del 2019 & Happy New Year

Buongiorno Lettori,

cosa farete oggi?
Io ho programmato recensioni nei giorni scorsi dopo lo stop natalizio, anche se si saranno cumulati altri impegni e recensioni nel frattempo.
Ieri è stata una giornata poco entusiasmante tra visite mediche, oggi vorrei solo pensare a festeggiare il nuovo anno e alla splendida cena di stasera benché in versione light, purtroppo.
Come ultimo post dell'anno, oltre agli auguri, vorrei lasciare la mia top ten di libri amati e di libri mal sopportati.

30/12/19

Recensione di Così crudele è la fine di Mirko Zilahy #3

Trama: In una Roma attraversata da omicidi silenziosi ed enigmatici, che gettano una luce nera sulla città, il commissario Mancini per la prima volta dopo molto tempo accoglie la sfida con nuova determinazione. Perché ora Enrico Mancini non è più l'ombra di se stesso: supportato dalla psichiatra della polizia che l'ha in cura, e affiancato dalla fedele squadra di sempre, si lancia alla ricerca di indizi che gli permettano di elaborare il profilo del killer. Costretto a rincorrere l'assassino passo dopo passo, vittima dopo vittima, tra i vicoli e le rovine della Roma più antica e segreta, il commissario capisce ben presto che il killer è anomalo, sfuggente come un riflesso. E in un gioco di specchi tra presente e passato, tra realtà e illusione, la posta finale non è solo l'identità del serial killer, ma quella dello stesso Mancini.


Finalmente ho finito questa serie. Ho letto il primo per poter seguire meglio il gruppo di lettura che aveva in oggetto il secondo.
Coi primi due è stato praticamente odio. Troppo crudo e non sopporto il commissario.

27/12/19

Recensione di Dolce come il miele di Jennifer L. Armentrout - The Dark Artifices #0.5

Trama: Per Jasmine, Dez era stato molto più di una cotta adolescenziale. Per otto anni era stato il suo migliore amico, la persona con cui si confidava, tutto il suo mondo. Le aveva promesso che sarebbero stati insieme per sempre... e poi l'aveva abbandonata senza una parola di spiegazione proprio quando suo padre aveva dato il consenso alla loro unione.

Tre anni dopo, si ripresenta da lei come se niente fosse, pronto a riprendere la loro storia da dove si era interrotta. Ma Jas non ci sta. Non vuole soffrire ancora. E così pone delle condizioni. Dez avrà sette giorni per guadagnarsi la sua fiducia e convincerla che sono fatti l'uno per l'altra. Sette giorni all'insegna di eccitanti pericoli e dolcissime tentazioni, per conquistare il suo cuore... o spezzarglielo di nuovo.


Dopo qualche anno e grazie alle compagne del gdl, ho deciso di riprendere la serie ed abbiamo cominciato dalla novella, di per sé indipendente, ma preparatoria.

20/12/19

Review Party di A libro Aperto Cafè di Sara P. Grey , Simona La Corte e Gina Laddaga

Buongiorno,

a Natale siamo tutti più buoni (in teoria) e la Dri lo è di certo perché ci ha regalato questa bella sorpresa, tre racconti collegati tra loro nel periodo natalizio.

Trama: Cupcake, amori contrastati, calciatori in declino, famosissimi scrittori che finalmente si innamorano... tutto può succedere se entri nel nostro bistrot "A libro aperto".
Vieni anche tu e gusta insieme a noi tutti gli ingredienti più zuccherosi del Natale.

Tre autrici, tre racconti, ma soprattutto... molti baci romantici sotto al vischio.

La prima penna a regalarci emozioni è quella di Sara P. Grey con "Grosso guaio allo Sweetland & Cupcake Cafè" che ci presenta Letizia Amalia e Misha, due giovani pasticceri che hanno aperto lo Sweetest Thing, una pasticceria di alta classe a Milano. I due sono realizzati professionalmente, ma il lavoro loro e delle loro metà mangia il tempo alle relazioni che iniziano a soffrire di questa situazione e che, sotto Natale, subiscono letteralmente dei duri colpi.

19/12/19

Blog Tour di Chiamami col mio nome di Mariangela Camocardi - Onore e abbigliamento, la moda in epoca Regency

Buongiorno Lettori,


questa settimana, oltre ai consueti appuntamenti sui vostri blog di fiducia (recensioni, review party, giochi natalizi, calendari dell'avvento, etc) troverete anche il Blog tour dedicato a Chiamami col mio nome di Mariangela Camocardi.


Trama: Deryl Ashley, visconte di Brentwood, si reca a Dover ad accogliere Mabel, la sua promessa sposa, scoprendo che la nave su cui era imbarcata è colata a picco durante una violenta tempesta. Tra i pochi superstiti, fortunatamente, la sua fidanzata... o forse no? A bordo c’erano i baroni Montorsi, genitori di Mabel, e Melissa, la cameriera personale. Chiunque sia, la ragazza sopravvissuta ha perso la memoria a causa dello choc dovuto al naufragio e non ricorda nulla del passato, neppure la propria identità. Chi è dunque, Mabel Montorsi o Melissa Donati? Un interrogativo che non cesserà di opprimerla.

Un amore nascente, una domanda a cui trovare risposta e insidie imprevedibili ostacoleranno i piani del visconte, che si troverà combattuto tra l'onore e il sentimento.


L'autrice ci ha regalato una nuova piccola perla del periodo Regency, una categoria di romance che ha per oggetto le storie d'amore, ambientate all'incirca nel 1800 (per l'esattezza tra il 1811 e il 1820), per lo più in Inghilterra, facendo attenzione a non tradire il periodo storico, senza dilungarsi, tranne magari piccoli cenni, su guerre e politica tipiche del periodo.
Un elemento su cui certamente noi lettrici ci divertiamo a ricamare nelle nostre menti è l'abbigliamento e, immaginandoci al posto dell'eroina, nello specifico la nostra attenzione si concentra su quello femminile.

Ma da dove nasce lo stile Regency?


17/12/19

Recensione di Shadowhunters - Le cronache dell'accademia di Cassandra Clare

Trama: Dopo quanto è accaduto nella Città del fuoco celeste, Simon Lewis - che è stato prima umano e poi vampiro - ha perso tutti i suoi ricordi e non sa più chi è veramente. Sa per certo di essere amico di Clary e anche di aver convinto la bellissima Isabelle Lightwood a uscire con lui, ma non ha memoria di come ci sia riuscito. E quando si rende conto che le due ragazze, ma non solo loro, iniziano ad aspettarsi da lui che si comporti come farebbe il ragazzo che conoscevano tanto bene, la situazione diventa insostenibile. Decide perciò di entrare nell'Accade-mia Shadowhunters e iniziare l'apprendistato per diventare un cacciatore di demoni. Forse, spera Simon, in questo modo riuscirà a ritrovare se stesso, qualunque cosa questo significhi. Le cronache dell'Accademia Shadowhunters raccoglie per la prima volta in un solo volume tutte le tappe dell'impegnativo apprendistato da Shadowhunter di uno dei personaggi più amati di "The Mortal Instruments". I dieci racconti, scaturiti dalla penna di Cassandra Clare, Sarah Rees Brennan, Maureen Johnson e Robin Wasserman, pubblicati originariamente in e-book, sono arricchiti dalle illustrazioni di Cassandra Jean.

16/12/19

Segnalazione di La diffidenza in amore non è mai abbastanza di Arlie Weston

Buongiorno Lettori,

oggi è lunedì, siamo prossimi al Natale e gli strappi alle regole diventano molto piacevoli (sapesse la mia dietista cosa ho comprato...camminerò tanto e, almeno quest'anno, sarò contenuta. Ma il prossimo qualche sfogo ci sta). A proposito di strappi, oggi pubblico una nuova segnalazione un pò diversa dal solito,  almeno dai generi che leggo normalmente.

13/12/19

Review Party di Chiamami con il mio nome di Mariangela Camocardi

Buongiorno Lettrici,

questa è settimana Review Party! Ho avuto il privilegio di leggere in anteprima il romanzo (grazie, Dri!) ed ecco cosa penso del nuovo romance della Camocardi annunciato la scorsa settimana e uscito il 9.

Trama: Deryl Ashley, visconte di Brentwood, si reca a Dover ad accogliere Mabel, la sua promessa sposa, scoprendo che la nave su cui era imbarcata è colata a picco durante una violenta tempesta. Tra i pochi superstiti, fortunatamente, la sua fidanzata... o forse no? A bordo c’erano i baroni Montorsi, genitori di Mabel, e Melissa, la cameriera personale. Chiunque sia, la ragazza sopravvissuta ha perso la memoria a causa dello choc dovuto al naufragio e non ricorda nulla del passato, neppure la propria identità. Chi è dunque, Mabel Montorsi o Melissa Donati? Un interrogativo che non cesserà di opprimerla.

Un amore nascente, una domanda a cui trovare risposta e insidie imprevedibili ostacoleranno i piani del visconte, che si troverà combattuto tra l'onore e il sentimento.

Ci troviamo nell'Inghilterra del 1800 in chiara epoca Regency e Deryl Ashley, visconte di Brentwood, è pronto ad accogliere la sua promessa sposa italiana e la sua famiglia. Però in porto scopre che la nave è affondata. I superstiti sono esigui e pare che tra questi vi sia Mabel Montorsi, la quale, malauguratamente, soffre di amnesia a causa dell'incidente da cui è uscita miracolosamente viva. C'è il dubbio che non sia però la nobile perché lei e la cameriera, Melissa Donati, si assomigliano molto. Comunque più elementi lasciano supporre che la signorina sia la promessa del visconte.

11/12/19

Recensione di Ossidea - La guerra dei giganti - Vol. 2

Trama: Sbalzato fuori dal suo letto e dal suo mondo, il giovane David Dream si ritrova in un regno sconosciuto con una missione disperata da portare a termine: raggiungere la Città del Cielo e salvare il regno degli elfi dal sanguinario esercitò di Kahòs. Il lungo viaggio ha inizio e David, dopo aver attraversato la selvaggia Terra di Arcon, abitata da popoli misteriosi, giunge finalmente a Etheria. Ma le armate del Signore Oscuro minacciano il meraviglioso regno di Ossidea. David vola sul dorso del cigno Galanthòr alla volta di Gorbila, la città sul mare, per convincere re Nagòr a traghettare l'esercito degli uri fino alle sponde occidentali; ma un'antica inimicizia tra giganti e gurblù rende incerto l'esito della missione. Nel frattempo le orde di Kahòs entrano ad Albor'han e accerchiano la Città del Cielo.

Non mi ero lasciata troppo bene col libro primo, ma, per far contento mio figlio maggiore, stiamo leggendo il resto della trilogia.

Nel primo volume conosciamo David Dream e siamo spettatori dei cambiamenti che stanno per sconvolgere la sua vita. Prima scopre indizi sulla scomparsa di suo padre quando David era bambino, poi l'arrivo di un elfo ferito e in seguito il ritrovarsi in un mondo misterioso, Arconia, prossimo ad essere devastato dalla guerra che il malvagio Khaos vuole ingaggiare con gli elfi, come apprenderà David durante il suo soggiorno e le esplorazioni di questo mondo straordinario.
Ora la guerra è alle porte e il giovane Dream è in cerca di alleati per combattere il nemico.

Recensione di Shadowhunters - La mano Scarlatta di Cassandra Clare - vol. 1

Trama: “Ultimamente abbiamo combattuto una grande guerra che ha evitato la catastrofe a tutto il genere umano. Alec ha perduto suo fratello e io il mio amico, e tutti e due abbiamo veramente bisogno di staccare. Voglio fare qualcosa di carino per lui, e insieme a lui. Voglio prendere le distanze dal casino che sono le nostre esistenze e capire se riusciamo a trovare un modo per stare davvero insieme.” Tutto ciò che desiderava Magnus Bane era una vacanza. Un sontuoso e romantico viaggio per tutta Europa insieme ad Alec Lightwood, lo Shadowhunter che, contro ogni previsione, è diventato finalmente il suo compagno. All’affascinante ed enigmatico stregone non sembra di chiedere poi molto. Ma a pochi giorni dal loro arrivo a Parigi, la coppia viene raggiunta da una vecchia amica che porta loro notizie inquietanti. A quanto pare un culto demoniaco chiamato La Mano Scarlatta sta seminando il caos in tutto il mondo. Un culto che, da quel che si dice in giro, è stato Magnus stesso a fondare, tantissimi anni prima, per scherzo. Ora però ha un nuovo leader, che l’ha trasformato completamente e che sta compiendo una massiccia opera di reclutamento.
A questo punto, Magnus e Alec sono costretti a scapicollarsi da una parte all’altra dell’Europa per scovare La Mano Scarlatta e il suo capo, sfuggente a dir poco, prima che possano causare ulteriori, e irreparabili, danni.
Via via che la loro ricerca di risposte diventerà sempre più pressante, saranno costretti a fidarsi l’uno dell’altro più di quanto non abbiano mai fatto prima, anche se ciò significherà rivelare i loro segreti più nascosti.

Ho prenotato subito questo libro benché ami i "Malec", ma senza scompormi troppo. Preferisco i personaggi principali, come Clary e Jace. Ma ero curiosa di sapere dove mi avrebbero portato.

10/12/19

Recensione di Un ragazzo normale di Lorenzo Marone

Trama: Mimì, dodici anni, occhiali, parlantina da sapientone e la fissa per i fumetti, gli astronauti e Karate Kid, abita in uno stabile del Vomero, a Napoli, dove suo padre lavora come portiere. Passa le giornate sul marciapiede insieme al suo migliore amico Sasà, un piccolo scugnizzo, o nel bilocale che condivide con i genitori, la sorella adolescente e i nonni. Nel 1985, l’anno in cui tutto cambia, Mimì si sta esercitando nella trasmissione del pensiero, architetta piani per riuscire a comprarsi un costume da Spiderman e cerca il modo di attaccare bottone con Viola convincendola a portare da mangiare a Morla, la tartaruga che vive sul grande balcone all’ultimo piano. Ma, soprattutto, conosce Giancarlo, il suo supereroe. Che, al posto della Batmobile, ha una Mehari verde. Che non vola né sposta montagne, ma scrive. E che come armi ha un’agenda e una biro, con cui si batte per sconfiggere il male. Giancarlo è Giancarlo Siani, il giornalista de “Il Mattino” che cadrà vittima della camorra proprio quell’anno e davanti a quel palazzo. Nei mesi precedenti al 23 settembre, il giorno in cui il giovane giornalista verrà ucciso, e nel piccolo mondo circoscritto dello stabile del Vomero (trenta piastrelle di portineria che proteggono e soffocano al tempo stesso), Mimì diventa grande. E scopre l’importanza dell’amicizia e dei legami veri, i palpiti del primo amore, il valore salvifico delle storie e delle parole. Perché i supereroi forse non esistono, ma il ricordo delle persone speciali e le loro piccole grandi azioni restano.

Sto recuperando i libri che mi mancano di questo autore e, in questi giorni è toccato a "Un ragazzo normale".

Cover Reveal di A libro aperto Cafè di SaraP. Grey, Simona La Corte e Gina Laddaga

Buongiorno Lettori,

come state? State vivendo anche voi il Natale ormai prossimo e la sua atmosfera festosa?
Quest'anno me lo sto un pò godendo anche io, nonostante le rinunce alimentari. Anche perché gli editori e gli scrittori ci tengono a viziarci e Dri ci regala tre novelle natalizie che si porspettano proprio gradevoli.

09/12/19

Recensione di Half Lost di Sally Green - Half bad vol. 3

Trama: Nathan è ancora una volta in lotta contro il tempo. Soul, il tirannico Incanto Bianco che con un colpo di mano ha assunto il pieno controllo del Consiglio, ha preso di mira l’Alleanza degli Incanti Liberi, ormai ridotta a pochi elementi, in perenne fuga e pericolo di vita. L’unico modo per uscire dall’impasse è sorprendere il nemico, e attaccarlo dove meno se lo aspetta: nel suo cuore strategico, quel palazzo del Giudizio a cui Nathan è legato da tristi ricordi. Per entrarci però non bastano i nuovi Doni che Nathan sta faticosamente tentando di padroneggiare: occorre qualcosa di più, un leggendario amuleto con il potere di rendere invincibile chi lo indossa. Il prezioso artefatto è però nelle mani di Ledger, un Incanto Nero che gioca da battitore libero. Nathan parte per gli Stati Uniti portando con sé le speranze dei ribelli, ma anche le sue ferite. 

Ecco la battaglia finale.
Gli Incanti Bianchi si fanno sempre più pericolosi, se non altro il corpo dei Cacciatori, sotto la guida di un pazzo come Soul che vuole distruggere gli Incanti Neri e schiavizzare i Bianchi, promettendo persecuzioni ai Bianchi che dissentono.

06/12/19

Recensione di E tu splendi di Giuseppe Catozzella

Trama: Arigliana, «cinquanta case di pietra e duecento abitanti», è il paesino sulle montagne della Lucania dove Pietro e Nina trascorrono le vacanze con i nonni. Un torrente che non è più un torrente, un’antica torre normanna e un palazzo abbandonato sono i luoghi che accendono la fantasia dei bambini, mentre la vita di ogni giorno scorre apparentemente immutabile tra la piazza, la casa e la bottega dei nonni; intorno, una piccola comunità il cui destino è stato spezzato da zi’ Rocco, proprietario terriero senza scrupoli che ha condannato il paese alla povertà e all’arretratezza.

Quell’estate, che per Pietro e Nina è fin dall’inizio diversa dalle altre – sono rimasti senza la mamma –, rischia di spaccare Arigliana, sconvolta dalla scoperta che dentro la torre normanna si nasconde una famiglia di stranieri. Chi sono? Cosa vogliono? Perché non se ne tornano da dove sono venuti? è l’irruzione dell’altro, che scoperchia i meccanismi del rifiuto. Dopo aver catalizzato la rabbia e la paura del paese, però, sono proprio i nuovi arrivati a innescare un cambiamento, che torna a far vibrare la speranza di un Sud in cui si mescolano sogni e tensioni.

Un’estate memorabile, che per Pietro si trasforma in un rito di passaggio, doloroso eppure pieno di tenerezza e di allegria: è la sua stessa voce a raccontare come si superano la morte, il tradimento, l’ingiustizia e si diventa grandi conquistando il proprio fragile e ostinato splendore.
Attraverso questa voce irriverente, scanzonata eppure saggia, Catozzella scrive un romanzo potente e felice, di ombre e di luce, tragico e divertente, semplice come le cose davvero profonde.

Ho scoperto questo romanzo grazie alla rubrica di Donna Moderna e dopo mesi sono riuscita a leggerlo.
Per fortuna è stata un'ottima lettura. Dopo "Non dirmi che hai paura", che mi è piaciuto, temevo un bel romanzo, ma non capace di convincermi al 100%.

05/12/19

Recensione di Rolando del camposanto - due fantasmi da salvare di Fabio Genovesi

Trama: Rolando vive nel cimitero, insieme allo zio che fa il guardiano. Ne esce solo per andare a scuola, dove i compagni lo evitano, e non ha amici, a eccezione di un merlo di nome Cip. Quando un giorno tra le lapidi appaiono i cugini Marika e Mirko Gini, Rolando trova due amici della sua età. Ma i cugini Gini sono dei fantasmi e presto spariranno per sempre nel Grande Buco. Per salvarli , Rolando deve addentrarsi sul Monte Pupazzo, fino al buio nero, per trovare la Cosa Rossa entro la mezzanotte del giorno dopo, quando sarà anche il suo compleanno. Il viaggio insieme a Cip attraverso la natura incontaminata si trasforma in un'impresa clamorosa, in compagnia di personaggi indimenticabili: un robivecchi sbandato, un cacciatore strabico,una femmina di cinghiale elegante e raffinata, e una bambina selvatica che si fa chiamare Tigre e vive nei boschi.

Questa è la prima lettura di Fabio Genovesi che faccio, questo nell'ambito del progetto di "persuasione" alla lettura di mio figlio maggiore. Ci sono volumi che riceve da leggere, non troppo lunghi e con qualche illustrazione, e quelli corposi che leggo io a tappe e questo rientra nella seconda categoria. Io sono soddisfatta, a lui è piaciuto e pure al più piccolo nonostante sia una storia più complessa dei classici libri adatti a bambini di 5 anni.
Lo scopo è di avvicinarlo alla lettura (se potesse manco mezza riga leggerebbe e a suo padre la coercizione di lettura quando era piccolo, benché in differenti modalità, lo ha reso lettore, per cui spero di emulare che, poi, mio figlio magari si appassiona pure, ma è mettersi e stare lì che lo disturba molto). Dovessi fallire, almeno avrà l'abitudine a leggere a comando che dalle medie sarà vitale tra capitoli da studiare, letture comandate durante le vacanze e via dicendo.

04/12/19

Recensione di Se i gatti scomparissero dal mondo di Kawamura Genki

Trama: Di lavoro fa il postino, mette in comunicazione le persone consegnando ogni giorno decine di lettere, ma il protagonista della nostra storia non ha nessuno con cui comunicare. La sua unica compagnia è un gatto, Cavolo, con cui divide un piccolo appartamento. I giorni passano pigri e tutti uguali, fin quando quello che sembrava un fastidioso mal di testa si trasforma nell’annuncio di una malattia incurabile. Che fare nella settimana che gli resta da vivere? Riesce a stento a compilare la lista delle dieci cose da provare prima di morire. Non resta nulla da fare, se non disperarsi: ma ecco che ci mette lo zampino il Diavolo in persona. E come ogni diavolo che si rispetti, anche quello della nostra storia propone un patto, anzi un vero affare. Un giorno di più di vita in cambio di qualcosa. Solo che la cosa che il Diavolo sceglierà scomparirà dal mondo. Rinunciare ai telefonini, ai film, agli orologi? Ma certo, in fondo si può fare a meno di tutto, soprattutto per ventiquattr’ore in più di vita. Se non fosse che per ogni oggetto c’è un ricordo. E che ogni concessione al Diavolo implica un distacco doloroso e cambia il corso della vita del protagonista e dei suoi cari. Soprattutto quando il Diavolo chiederà di far scomparire dalla faccia della terra loro, i nostri amati gatti. Kawamura Genki ci costringe a pensare a quello che davvero è importante: alle persone che abbiamo accanto, a quello che lasceremo, al mondo che costruiamo intorno a noi.

03/12/19

Cover Reveal di Chiamami col mio nome di Mariangela Camocardi

Buongiorno Lettrici,

come state? Qui oggi splende il sole, per fortuna! Ed è anche giorno di Cover Reveal.
Rimaniamo nel campo storico con un nuovo lavoro firmato Mariangela Camocardi.
Ecco tutto quel che dovete sapere:

Recensione di Trilogia dell'area X di Jeff Vandermeer

Trama: Per trent’anni l’Area X è rimasta tagliata fuori dal resto del mondo. La Southern Reach ha inviato numerose missioni esplorative, ma nessuna è mai tornata davvero indietro. Questa volta sarà diverso: la dodicesima missione, raccontata in Annientamento, e composta unicamente da donne. Quattro esploratrici che non conoscono niente l’una dell’altra, nemmeno il nome – sono indicate con la funzione che svolgono: l’antropologa, la topografa, la psicologa e la biologa – accettano di partecipare a un viaggio che assomiglia molto a un suicidio.

In Autorità un nuovo direttore siede a capo della Southern Reach, John Rodriguez. Tutti lo chiamano Controllo, anche se sembra non avere il controllo di nulla. Gli basta poco, però, per capire che i segreti della Southern Reach sono altrettanto numerosi di quella dell’Area X, e forse più minacciosi.

In Accettazione, ultimo capitolo della trilogia, Controllo si tuffa nel cuore dell’Area X aiutato da una misteriosa creatura che ha le fattezze e i ricordi della biologa. Insieme si inoltrano verso il faro da cui ogni cosa sembra essere partita alla ricerca di risposte. Eppure non è di risposte che hanno bisogno, ma di nuove e più giuste domande.
Con la tensione del thriller e la profondità della grande letteratura, Jeff VanderMeer ha saputo raccontare le nuove, imminenti, antichissime paure del nostro mondo. 


02/12/19

Recensione di Nebbia di Miguel de Unamuno


Trama: Un grande classico della letteratura del Novecento, pubblicato nel 1914, che i lettori riscopriranno con gioia. Separato dai traffici della vita, il giovane, benestante Augusto Pérez, gran passeggiatore e giocatore di scacchi, conduce la sua esistenza oziosa perennemente avvolto nella vibrante atmosfera delle sue fantasticherie. Neanche l'incontro casuale con Eugenia, una graziosa insegnante di pianoforte, sarà sufficiente a riportarlo con i piedi sulla terra. Più che di Eugenia, infatti, l'uomo è innamorato del suo sogno d'amore, del fantasma di verità e di bellezza che la fantasia gli ha dipinto nel segreto del cuore. Ma il sognatore Augusto, a sua volta, non è che il sogno di uno scrittore, Miguel de Unamuno, che comparirà nell'opera quando il primo si recherà a chiedergli conto del suo destino. Ed entrambi, autore e personaggio, non sono forse altro che un sogno di Dio, destinati a dissolversi al suo risveglio.

29/11/19

Segnalazione di Lettere sotto l'albero di AAVV

Buongiorno Lettori,

oggi ho intenzione di parlarvi di una segnalazione particolare. 
Si tratta di una raccolta di racconti scritti da 17 autrici molto note online che si sono prestate a questo importante progetto. Infatti, il ricavato andrà a favore della Onlus La Quercia che si occupa di servizi socio-sanitari a favore di persone disabili adulte oltre che servizi rivolti a minori in difficoltà, come Comunità alloggio, servizi domiciliari e scolastici, occupandosi quotidianamente dei bisogni di oltre 150 persone che insieme alla loro famiglie necessitano di essere prese in carico, aiutate, sostenute, valorizzate.
Un tema che sento molto vicino. In comunità minori ci ho abitato, una molto valida che, a distanza di anni, è stata una famiglia e con cui ho ancora contatti. Queste associazioni e questi ambienti possono fare molto e vanno sostenuti. La vera magia è quando strutture e società si fondono, non è facile, ma nemmeno impossibile. Questo può essere un inizio e uno stimolo.

28/11/19

Review Party di La fortuna di una Lady di Sara P. Grey

Buongiorno Lettori,


questa è la settimana dedicata al Review party de La fortuna di una Lady, il nuovo romance storico targato Dri.

Trama: Inghilterra 1890
Una ragazza sola, senza memoria, senza un soldo, scampata a una terribile tragedia.n duca dal cuore tenero e dalla volontà di acciaio.
Un incontro fortuito e il mistero di un’identità da scoprire: chi è Katherine “Rivers”? Una lady in fuga o una semplice istitutrice? E come può aiutarla il duca di Westburn a recuperare la memoria perduta?
Il passato torna a dare la caccia all’improbabile coppia e le rigide convenzioni sociali minacciano una prematura separazione giocando con la vita e le prospettive di felicità dei protagonisti di “La fortuna di una lady”.
Chi la spunterà?

Ho avuto il piacere di leggere questo romanzo in anteprima grazie a Dri Editore nonché di finirlo senza possibilità di fermarmi.

23/11/19

Review Party di Onore e Riscatto di Fabiana Redivo

Buongiorno Lettori,



oggi vi parlo di Onore e Riscatto di Fabiana Redivo.


Trama: Colonie occidentali britanniche, 1818.
Per amore di un pirata, Lady Eleanor Blackmore ha voltato le spalle alla famiglia. Non che avesse poi molto da perdere, dato che il padre era ricercato per il tentato omicidio del fratello. Piuttosto che accettare un possibile matrimonio combinato dal nonno, il Duca di Ashton, per riscattare l’onore della famiglia, ha preferito affrontare lo scandalo vivendo accanto a René Boscher, il pirata francese che si vanta d’averla addirittura comprata. Quel pezzo di carta esiste davvero e porta la firma del padre di Eleanor. Ma René sa benissimo che non si può comprare una Lady, figuriamoci il suo cuore. E per amore di Eleanor il sanguinario pirata è disposto a fare qualsiasi follia. Perfino a riscattare il proprio di onore. E il riscatto passa attraverso il segreto dei gioielli perduti della regina Maria Antonietta.

Nel 1818, a Georgetown, la vita di Lady Eleanor Blackmore subirà nuovi scossono ancora una volta.

20/11/19

Recensione di Signora della mezzanotte di Cassandra Clare - The Dark Artifices (Shadowhunters) vol 1

Trama: Cinque anni fa, i genitori della Shadowhunter Emma Carstairs sono stati brutalmente uccisi. E lei non ha mai smesso di cercare l'assassino. Emma deve imparare a fidarsi del suo cuore e della sua intelligenza mentre lei e il suo parabatai, Julian Blackthorn, si trovano invischiati in un complotto demoniaco che si ramifica per tutta Los Angeles. Se solo il suo cuore non la spingesse continuamente verso le strade più buie, e insidiose... 

Ce l'ho fatta, ho lasciato per mesi il romanzo in stallo, ma finalmente l'ho letto XD  E non perché non mi piacesse, ma perché, come tanti lettori, prendo troppe cose da leggere nello stesso periodo.

Questa  è finalmente la trilogia che segue The Mortal Instruments e ci pone davanti ad un cambio di scena.

Emma Carstairs è l'ultima della sua discendenza e vive all'istituto di Los Angeles col suo parabatai Julian Blackthorn e i suoi fratelli.
Cinque anni fa il mondo degli Shadowhunters fu sconvolto dalla Guerra Oscura ad opera di Sebastian Morgenstern. Tra le vittime i genitori di Emma, ma lei non ha mai creduto si fosse trattato di Sebastian bensì di qualche entità, probabilmente demoniaca, che li aveva presi di mira. Cinque anni dopo nuovi omicidi sembrano sostenere l'ipotesi di Emma e Julian la sostiene.

19/11/19

Cover reveal di La fortuna di una lady di Sara P. grey

Buongiorno Lettori,

giornata di cover reveal! In queste giornate grigie ed umide è un bel tocco di colore ed allegria.
Quest'oggi tocca ad un nuovo romance storico Dri Editore che si preannuncia enigmatico e ricco di sorprese.

15/11/19

Segnalazione Gli occhi invisibili del destino di Silvia Casini

Buongiorno Lettori,

salutiamo il week end nascente con questa segnalazione interessante.


Vincitore del Premio della Critica al Premio Internazionale Montefiore 

La magica scrittura di Silvia Casini si snoda tra misteri, morti, sospetti e intrighi sotto il cielo fatato e fatale di Roma in un libro che evoca atmosfere esoteriche alla Dan Brown (Angeli e Demoni) impreziosendole con la ricerca dell'unica fonte universale di salvezza: l'amore con la A maiuscola.
(Giancarlo Caselli, editore della Golem Edizioni)

14/11/19

Recensione di Tre piani di Eshkol Nevo

Trama: In Israele, nei pressi di Tel Aviv, si erge una tranquilla palazzina borghese di tre piani. Il parcheggio è ordinatissimo, le piante perfettamente potate all’ingresso e il citofono appena rinnovato. Dagli appartamenti non provengono musiche ad alto volume, né voci di alterchi. La quiete regna sovrana. Eppure, dietro quelle porte blindate, la vita non è affatto dello stesso tenore. Sorto da una brillante idea narrativa: descrivere la vita di tre famiglie sulla base delle tre diverse istanze freudiane – Es, Io, Super-io – della personalità, Tre piani si inoltra nel cuore delle relazioni umane: dal bisogno di amore al tradimento; dal sospetto alla paura di lasciarsi andare. E, come nella Simmetria dei desideri, l’opera che ha consacrato sulla scena letteraria internazionale il talento di Eshkol Nevo, dona al lettore personaggi umani e profondi, sempre pronti, nonostante i colpi inferti dalla vita, a rialzarsi per riprendere a lottare.

Mi hanno ribadito che questo romanzo ha una base psicologica. Vero. Non credo di averla capita, né mi ha interessato  molto quando mi sono trovata a leggere questo libro per un gruppo di lettura. Ho preso il libro sulla fiducia e mi sono lanciata, leggendolo come un romanzo, spesso requisito principale che un libro che racconta una storia ci chiede.

La struttura del volume è particolare. Tre capitoli di lunghezza differente. Sì, solo tre capitoli. Questo perché ognuno ha un piano ad esso dedicato: primo, secondo e terzo.

13/11/19

Review Party Il ragazzo perfetto di Paola Garbarino

Buongiorno Lettori,

come state?
Oggi vi parlo de Il ragazzo perfetto di Paola Garbarino, fresco di pubblicazione e colgo l'occasione per ringraziare nuovamente la Dri editore per la copia.


Titolo: Il ragazzo perfetto
Autore: Paola Garbarino
Collana: Contemporary Romance
Editore: Dri Editore
Genere: Contemporaneo
Formati disponibili: ebook 2,99 / cartaceo 15,99€
Pagine: 400
Data di uscita: 11 novembre (pre-order 9 novembre)

Trama: «Ti avevo detto che potevi avere tutte, ma di non provarci con lei» gli ricordai, come se avesse potuto dimenticarlo.
«Lo avevi detto. E io avevo pensato che lo dicessi perché avevi paura che facessi lo stronzo e perché volevi proteggerla» si morsicò un labbro, teso «poi però mi sono innamorato.»

Jackson e Giovanni, fratellastri, profondamente diversi e inevitabilmente distanti.
Il primo, vissuto nel mondo variopinto del jet set londinese e poi, dopo la morte della madre, tornato in Italia, da quel padre che lo aveva lasciato.
Il secondo, timido, nerd e sovrappeso, non ha mai avuto una ragazza e poco sopporta il fratellastro che, in fondo, non conosce.
Tra loro c’è Rossane, la migliore amica di Giovanni fin dall’infanzia e cantante del gruppo Megalomani. Responsabile e vitale, la sua energia riesce a conquistare Jackson, incrinando l’equilibrio perfetto tra Rossane e Giovanni.
Un fraintendimento, un segreto, devierà il sentiero che il destino sembrava aver già tracciato, rimescolando tutte le carte.

Mi sono lanciata nella lettura con entusiasmo, curiosa di conoscere questa autrice  di cui non avevo mai letto nulla.

12/11/19

Cover Reveal Onore e Riscatto di Fabiana Redivo

Buongiorno Lettori,


oggi, come di consueto, Cover Reveal! Questa volta ci diamo al romance storico e tocca a Onore e Riscatto di Fabiana Redivo.
Con la storia ho un rapporto privilegiato, quindi ho buone aspettative.

11/11/19

Recensione di Tutti giù per aria di Rosella Postorino

Trama: Tina non sa cosa le è saltato in mente quel pomeriggio, quando ha accettato di giocare a pallavolo con i compagni. Di solito fa solo le cose che sa fare bene, perché ha sempre paura di sbagliare. Gli altri bambini la chiamano 'perfettina' e non la trovano molto divertente: la perfezione non ha mai fatto ridere nessuno! La palla cadrà nel fume, Tina per riprenderla precipiterà giù da una cascata e da qui tutto avrà inizio. Recuperata da un'enorme signora-mongolfera, viene portata in volo fino a uno strano paese, pieno di personaggi strampalati, quel giorno in festa per la Fiera degli Scarti e l'annuale Caccia al Tesoro. Chi arriverà primo? Ma soprattutto, cosa vinceranno gli altri? Perché, quando si gioca insieme, nessuno perde mai. 

Ringrazio, innanzitutto, Salani editore per la copia e mi scuso per il ritardo di SETTIMANE, dovuto a problematiche personali. Normalmente leggo, finisco e recensisco subito quanto ricevo.

Questo è il primo libro di Rosella Postorino come autrice per ragazzi.

10/11/19

Review Party Love Training di M. P. Black - Paola de Pizzol

Trama: Evan Taylor è uno degli attori più famosi di Hollywood con un unico obiettivo: vincere l’Oscar.

Mia Ward è la più abile personal trainer di Los Angeles.

Evan, per esigenze di copione, dovrà potenziare il suo fisico, e chi meglio della professionista più in vista di Los Angeles può aiutarlo? Nulla di più semplice, se non fosse per i loro caratteri opposti, le battute al vetriolo, le frecciatine... e un’attrazione irrefrenabile.

Aggiungiamo poi uno stalker, minacce di morte, duri allenamenti, shooting fotografici, sesso, balli sfarzosi e fughe improvvise per salvarsi la vita.

Sei pronta a entrare nel mondo di Hollywood?
Nel nuovo libro di M. P. Black (Paola De Pizzol) la commedia si sposa al giallo e alla sensualità, regalando al lettore un romantic suspense ironico, ma anche carico di tensione e di eros.

Ho avuto l'onore di ricevere il romanzo in anteprima da parte dell'editore e del suo staff che ringrazio di cuore.

07/11/19

Recensione di L'incubo di Hill House di Shirley Jackson

Trama: Chiunque abbia visto qualche film del terrore con al centro una costruzione abitata da sinistre presenze si sarà trovato a chiedersi almeno una volta perché le vittime di turno (giovani coppie, gruppi di studenti, scrittori alla vana ricerca di ispirazione) non optino, prima che sia troppo tardi, per la soluzione più semplice – e cioè non escano dalla stessa porta dalla quale sono entrati, allontanandosi senza voltarsi indietro. Bene, a tale domanda, meno oziosa di quanto potrebbe parere, questo romanzo di Shirley Jackson – il suo più noto – fornisce una risposta, forse la prima. Non è infatti la fragile, sola, indifesa Eleanor Vance a scegliere la Casa, dilatando l’esperimento paranormale in cui l’ha coinvolta l’inquietante professor Montague molto oltre i suoi presunti limiti. È piuttosto la Casa – con la sua torre buia, le porte che sembrano aprirsi da sole, le improvvise folate di gelo – a scegliere, per sempre, Eleanor Vance. E a imprigionare insieme a lei il lettore, che tenterà invano di fuggire da una costruzione romanzesca senza crepe, in cui – come ha scritto il più celebre discepolo della Jackson, Stephen King – «ogni svolta porta dritta in un vicolo buio». 

Ho letto questo romanzo in occasione della #SettimanadaIncubo organizzata da Leggo Quando Voglio per la settimana a cavallo di Halloween.

06/11/19

Recensione in anteprima di Tutta la neve del cielo di Angela Contini

Buongiorno Lettori,
come state? L'autunno da voi è dolce o già rigido?
oggi è una giornata speciale e ringrazio l'autrice e la casa editrice Newton Compton per la copia omaggio.

Trama: Patrick Morgan ha un chiodo fisso: le donne. Le ama, le insegue e loro, di solito, si fanno raggiungere senza problemi. Fino a che non compare di nuovo lei, Julia Williams, ex compagna di liceo e ora caporedattore della rivista «Talking», per la quale Patrick lavora. I due condividono un passato burrascoso. Non sono rimasti in buoni rapporti dopo aver trascorso una notte insieme. E mentre lei si vendica umiliandolo in tutti i modi immaginabili, Patrick si accorge di desiderare la donna che Julia è diventata. Fino al punto da escogitare l’impossibile per averla. Ma è davvero l’unica cosa che gli interessa o le sue intenzioni sono mosse da un sentimento più tenero? E, soprattutto, Julia capirà che è il momento di sotterrare l’ascia di guerra?
Il suo cuore è protetto da un muro, per evitare complicazioni sentimentali che potrebbero ferirla ancora. Ma forse adesso c’è qualcuno disposto a tutto pur di provare ad abbattere quella parete e farle tornare la voglia di rischiare...


Ogni volta ho paura di rimanere delusa dai libri di un autore che ho amato. Può capitare, d'altronde. Una nuova lettura è sempre una scommessa, ma siamo sempre poco portati ad accettarlo con autori a noi affini.

05/11/19

Cover Reveal de Il ragazzo perfetto di Paola Garbarino

Buongiorno Lettori,

giornata di cover reveal per Dri Editore, stavolta tocca a Paola Garbarino con Il ragazzo perfetto.
La trama mi stuzzic e la cover è veramente una meraviglia, ma vi lascio scoprirla in autonomia ;-)

04/11/19

Recensione di Numero 11 di Jonathan Coe

Trama: L’undicesimo romanzo di Jonathan Coe è una storia dei nostri tempi: dal suicidio di David Kelly, lo scienziato britannico che aveva rivelato le bugie di Tony Blair sulla guerra in Iraq, agli anni austeri della Gran Bretagna che conosciamo oggi.

È un romanzo su quell’infinità di piccole connessioni tra la sfera pubblica e quella privata, e su come queste connessioni finiscano per toccarci, tutti.

È un romanzo sui lasciti della guerra e sulla fine dell’innocenza.

È un romanzo su come spettacolo e politica si disputino la nostra attenzione, e su come alla fine probabilmente è lo spettacolo ad avere la meglio.
È un romanzo su come 140 caratteri possono fare di tutti noi degli zimbelli.
È un romanzo su cosa significhi vivere in una città dove i banchieri hanno bisogno di cinema nelle loro cantine e altri di banche del cibo all’angolo della strada.
È un romanzo in cui Coe sfodera tutta la sua ingegnosità, il suo acuto senso della satira e la sua capacità di osservazione per mostrarci, come in uno specchio, il nuovo, assurdo e inquietante mondo in cui viviamo. 

28/10/19

Recensione di La canzone di Orfeo di David Almond - Ci provo con #4

Buongiorno Lettori,
come state?
Oggi è giornata di Ci provo con , l'appuntamento mensile che è stato ideato da La lettrice sulle nuvole per permetterci di sfoltire le nostre wishlist o accumuli o semplicemente curiosità leggendo autori mai letti. Da qui appunto "ci provo con".

Trama: Claire adora la sua amica Ella. Sono inseparabili da quando giocavano insieme da piccole e da allora Claire protegge la sua dolce, svagata bellezza. Ora condividono con i loro amici i sogni di libertà e invincibilità che solo a diciassette anni si possono avere.

Durante una gita sulle spiagge del Northumberland, Claire e i suoi amici sfidano la notte alle fiamme di un falò, dormono nelle tende e si risvegliano al canto di uno sconosciuto, comparso dal nulla. Il suo nome è Orpheus: chi lo ascolta si perde nella sua musica, rapito da un incanto antico e nuovissimo. Ed Ella ne sarà rapita più di tutti, così tanto che Claire non sa se esserne felice o preoccupata. Ma Ella e Orpheus non possono sfuggire al loro amore, è come se lo aspettassero da sempre.

Un romanzo che è come un canto, il racconto di una grande amicizia e di un primo amore, dell’irrefrenabile vitalità e dell’immensa fragilità a cui espongono. Una riscrittura sorprendente del mito di Orfeo ed Euridice, un inno alla gioventù avventata, all’amore totalizzante e alla vita senza paure, nello stile lirico e visionario di Almond. 

22/10/19

Recensione de I testamenti di Margaret Atwood

Trama: "Il nostro tempo insieme sta per cominciare, mio lettore. Può darsi che vedrai queste pagine come un fraglie scrigno da aprire con la massima cura. Può darsi che le strapperai o le brucerai: con le parole accade spesso".

Hai fra le mani un'arma pericolosa, caricata con i segreti di tre donne di Gilead. Stanno rischiando la vita per te. Per tutti noi.

Prima di entrare nel loro mondo, forse vorrai armarti anche di questi pensieri:
"La conoscenza è potere".
"La Storia non si ripete, ma fa rima con sé stessa".


Questa non è una trama, ma è difficilissimo parlare di questo libro in qualunque modo.
E' e non è il seguito del racconto dell'ancella perché è anche di più.
Innanzitutto è quel che dicono queste poche righe: pagine riempite con i segreti di tre donne di Gilead.

Cover Reveal di Specchio riflesso di Sarah Arenaccio

Buongiorno Lettori,

oggi scopriamo la cover e la sinossi di Specchio riflesso, nuova pubblicazione Dri.

Da quel poco che vediamo sembra molto frizzante.

Trama: Cosa può succedere se nell’albergo più prestigioso di Roma ti capita di incontrare la tua gemella cattiva e il suo capo affascinante che sembra provarci proprio con te?
Se a questo aggiungiamo l’imprevisto ritorno del grande amore della tua vita, la ricetta per il disastro è fatta.
Ed è proprio ciò che accade a Diletta, receptionist sconclusionata e sempre in ritardo, con un figlio preadolescente che si comporta da adulto, una migliore amica iperprotettiva e un responsabile che la tratta da irresponsabile.
Riuscirà Diletta a trovare una via di fuga dal caos della sua vita?

Ho comprato Scandalo nella brughiera che spero di leggere presto e anche questo subirà la stessa sorte...Dritto nel kindle!
Voi pensate di comprarlo?

16/10/19

Ossidea La città del cielo di Tim Bruno - Vol.1 - L'angolo Vintage #11

Buongiorno Lettori,

questa è la rubrica mensile dedicata alle letture "antiche", o meglio "d'epoca". Non siamo così fiscali, non vogliamo libri del 1587 ed in procinto di cadere a pezzi. Lo scopo della rubrica, ideata da La lettrice sulle nuvole, è quello di smaltire i libri comprati ed accumulati nel tempo, per alcune di noi, ormai, decenni.
Si possono fare spoiler purché segnalati, sfogarsi, blaterare...L'importante è parlare in sincerità in compagnia!
Questo mese tocca a Ossidea La città del cielo di Tim Bruno, edito nel 2011, che ho letto, in numerose tappe, con mio figlio maggiore, sperando di invogliarlo alla lettura. Sto provando anche quotidianamente a fargli leggere libri piccoli e facili, ma il problema sta qui...Perché il libro gli è piaciuto, aspetta che mi procuri pure il seguito, ma finché lo leggo io va benissimo. E' la fatica sua il problema, agire, calcolare...ma a superare le due righe di lettura sembra che io gli abbia chiesto di pulire una camera con lo spazzolino da denti. Se non amerà leggere di suo, senza che qualcuno gli legga, spero che tutto questo sia utile per quando avranno i libri su commissione da leggere per scuola. Vedo che in prima media (lui comunque è in terza primaria), questa estate, hanno avuto scelta libera per due testi che comunque vanno letti.

Trama: Alla vigilia del suo dodicesimo compleanno, David Dream riceve la lettera che cambierà per sempre la sua vita. Seguendo le indicazioni contenute nel messaggio, il ragazzo trova la porta nel “tempo che si è fermato” e apre il libro incompiuto. D’un tratto una creatura fantastica, ferita e sofferente, irrompe nella sua camera attraverso un varco di luce. Pronunciando parole incomprensibili di una lingua sconosciuta, passa al giovane il testimone di una missione disperata. Il ragazzo suona il taharan, il corno magico che la creatura aveva al collo, e viene proiettato in un luogo misterioso e selvaggio: la Terra di Arcon. David dovrà intraprendere un lungo viaggio per raggiungere la Città del Cielo e salvare il regno degli elfi dal sanguinario esercito di Kahòs; ma un segreto terribile accompagna il giovane della razza degli uomini.


Questa è una storia misteriosa, per certi versi ammetto che mi ha ricordato il Signore degli anelli, almeno per il viaggio, anche se ovviamente la maestria di Tolkien è inarrivabile.


Il protagonista è David Dream, un ragazzino che in prossimità dei suoi dodici anni riceve da un uomo misterioso una lettera da parte di suo padre, scomparso molto tempo fa e di cui gli è rimasta solo una chiave legata ad un cordoncino di cuoio.
Da giovane adolescente leggermente preso di mira si trova presto coinvolto in un'avventura.
Di notte, dopo aver scoperto a cosa era destinata la sua chiave, si imbatte in casa sua in una creatura morente che, in un linguaggio incomprensibile gli affida chiaramente un compito. Non sa cosa debba fare, ma riceve un corno e la sua sacca da viaggio contenente del cibo ed una specie di diario.
Soffia il corno e si trova in un altro mondo. Sin da subito sarà accerchiato dai pericoli, ma trova anche numerose creature amichevoli di cui imparerà ogni volta il linguaggio.

Presto lo scopo della sua missione sarà chiaro: raggiungere il regno di Etheria, governato da Ossidea e minacciato dalle forze del male. Per raggiungere questo scopo viaggerà attraverso tutte le terre di Arcon.
Stringerà amicizia col protettivo cinghiale Grulfus e raggiungerà l'operoso popolo dei nuk nuk, popolo amico delle api. Si legherà perfino ai giganti e solcherà nuovi mari, conoscendo le popolazioni del luogo.
Il suo sarà praticamente un viaggio di esplorazione, anche se con un fine pratico e più grande.

E' anche chiaramente un elogio della natura: ogni popolazione ed ogni elemento naturale vive in simbiosi con gli elementi naturali, in molti casi natura ed urbe si compenetrano.
E' importante anche l'amicizia ed i legami con amici di cui ci possiamo fidare ciecamente.
Credo che il nemico, Khaos, voglia essere sinonimo di quando l'equilibrio con la natura viene meno e, anzi, l'uomo non capisce e continua ad infierire. Questo aspetto però viene accennato e tutto viene rimandato al seguito.

Se devo essere onesta, è un libro carino e che ha affascinato la mente di un bambino che si è visto davanti questo mondo nuovo, magico e ricco di natura che mio figlio, appunto, ama. Ma personalmente non mi ha emozionato né lasciato nulla. Ci sono parti pericolose, ma, se non alla fine, niente di eclatante o concreto.
Per il resto tanta esplorazione, qualche azione e, per me, poca sostanza pur se scritto bene e con ricchezza di particolari. Mi ha dato l'impressione di essere un pò costruito, con sentimenti sinceri ma calcati.
Che sia il primo libro troppo da "bimbi" che leggo e che la trasformazione in vecchiaccia stia avendo inizio? Magari è semplicemente il libro meno adatto a me. L'ho scelto solo perché mi sembrava adatto al mio "pollo" ed avevo anche ragione.
Ecco, invece, le altre blogger della rubrica che partecipano ad ottobre.