17/06/17

Recensione di Il sangue dell'Olimpo - Eroi dell'Olimpo di RIck Riordan

Trama: L'equipaggio della Argo II, la nave volante guidata dai semidei greci e romani, non è ancora riuscito a sconfiggere la minaccia più temibile: la divina Gea e il suo esercito di giganti. Ad Atene la Festa della Speranza è alle porte, e la perfida dea della Terra ha intenzione di celebrarla in grande stile: sacrificando due semidei per tornare in vita. Percy Jackson e i suoi amici devono fermarla, ma hanno visioni sempre più frequenti di una cruenta battaglia che minerà la pace tra il Campo Mezzosangue e il Campo Giove. Solo se i semidei riusciranno a condurre la statua di Athena Parthenos al Campo Mezzosangue potranno evitare la guerra.

Eccoci giunti alla fine di questa avventura!!!
Il volume non perde tempo e si entra subito nel vivo degli eventi.
Devo dire però che è confusionario, eh.... Qui ne accadono di ogni genere e veniamo  sbattuti da una situazione all'altra ogni due, tre capitoli. Certo, in quei capitoli abbiamo la continuità, per poi essere lasciati a secco di notizie, nel momento clou...E grazie!Questo nel bene e nel male, quindi possiamo trovarci ad esultare o lanciare accidenti (mi raccomando, Rick, niente di personale se ti succede qualcosa, che si tratti di tubature rotte o fulmini e saette...ma non si fa così!)
Ci troviamo in una situazione difficile... L'Athena Parthenos deve tornare dai Greci al Campo Mezzosangue e sanare il conflitto tra le due parti, possibilmente evitando che i due campi si facciano la pelle grazie ad Ottaviano, augure del campo ormai fuori controllo. Dunque Nico, Reyna ed Hedge (rispettivamente figlio di Ade, figlia di Bellona e satiro) si arrischieranno nella missione suicida (Reyna è giusto considerata una traditrice dai Romani, anche arrivassero a destinazione potrebbero farle la pelle, così, in amicizia..) mentre gli altri andranno incontro a mille pericoli. Ovviamente questi pericoli saranno grandi ed a volte riguarderanno solo alcuni semidei, lasciando gli altri a morire di crepacuore e/o sostenere altre battaglie non di poco conto. Ma le profezie vanno rispettate!

14/06/17

Recensione La casa di Ade-Eroi dell'Olimpo di Rick Riordan

Trama: Annabeth e Percy sono precipitati in un baratro profondissimo, tanto da ritrovarsi nelle viscere del Tartaro. I semidei non hanno un istante da perdere: Jason, Leo, Piper, Frank, Hazel e Nico dovranno trovare al più presto la Casa di Ade e sigillare le Porte della Morte, imprigionando le creature infernali che premono per oltrepassarle. Solo così potranno liberare i due eroi e impedire il ritorno di Gea, la dea della terra, che vuole distruggere il mondo con le sue armate di giganti. Senza trascurare un piccolo dettaglio: dovranno essere dalla parte giusta, quando le porte saranno chiuse, altrimenti non potranno più uscirne! La posta in gioco è più alta che mai in questa nuova avventura, in cui i semidei si misureranno con i mostri spaventosi che dimorano lungo le sponde ribollenti del Flegetonte e negli abissi infuocati del Tartaro.

Chi non ha letto il terzo volume, non legga nemmeno la trama!
Tadà...Ecco il colpo di scena! Annabeth e Percy precipitano nel Tartaro! E ora via alla disperazione... Il Tartaro è la morte, l'Inferno dei mostri. Come possono sopravvivere due semidei? Ovvio che non sarà facile ne indolore.
Dovranno sopravvivere appena arrivati solo per respirare, oltre che per affrontare le difficoltà e le battaglie che incontreranno. Non parliamo poi di raggiungere le Porte della Morte che dovranno chiudere contemporaneamente ai propri amici che si troveranno in quel momento (si spera!) nel corrispettivo mortale delle Porte.

Recensione di Il marchio di Atena-Eroi dell'Olimpo di Rick Riordan

Trama: Percy Jackson si è risvegliato alla Casa del Lupo, nel Campo dei semidei Romani, senza alcun ricordo a parte il nome di Annabeth. Proprio mentre sta andando a salvarlo, la ragazza scopre che tra Greci e Romani si sta scatenando la guerra, e a bordo della Argo II, la nave volante creata da Leo, cerca di raggiungere il Campo Giove insieme a Jason e Piper. Certo il natante, che ospita a bordo un drago di bronzo sputafiamme, non ha un'aria amichevole: i Romani capiranno che la loro è una missione di pace? E la pace, quanto durerà? Atena, infatti, ha affidato ad Annabeth, sua figlia, una terribile missione: «Segui il marchio di Atena. Vendicami.» Percy si ricorderà dei suoi vecchi amici, o sarà passato dalla parte dei Romani? Il gruppo di semidei dovrà scoprirlo in un viaggio per terra e per mare alla volta della splendida e terribile Roma. 

Eccoci giunti al terzo capitolo della serie e devo dire che è un capitolo di tutto rispetto.
Annabeth arriva a Nuova Roma con tutta la cavalleria, non vede l'ora di riabbracciare Percy e spera proprio che i romani non li attacchino. Straordinariamente, con un compromesso i semidei greci e Jason vengono accolti dai romani. Annabeth e Reyna, il pretore di Nuova Roma, hanno molto di cui discutere, ma ad un certo punto l'Argo II, la nave dei greci, inizia ad attaccare la città. I nostri semidei devono scappare in fretta e furia, Annabeth scuce un accordo a Reyna, nonostante i propositi omicidi dell'augure (ed avvoltoio!) di Ottaviano e si mette in salvo con gli amici, determinata a scoprire cos'è successo sulla nave.

11/06/17

Recensione di Tutta la pioggia del cielo di Angela Contini - Angela C. Ryan

Trama: Victoria Stevenson e Nath Owens sono agli antipodi. Notte e giorno. Luna e sole. Lei vive a Chicago, è una scrittrice di successo e vanta pubblicazioni in diversi paesi. Educata, precisa, con qualche mania di troppo, a un certo punto della sua carriera, non ha la più pallida idea di come scrivere il suo prossimo romanzo. Lui è un contadino e possiede una fattoria che cade a pezzi, in Vermont. È pieno di debiti, ama i suoi animali più delle persone, soprattutto il suo papero Charlie, ed è vegano. È piuttosto arrogante e un po’ burbero. 

Per una curiosa idea dell’agente di lei, Trevor, e della sorella di lui, Susan, certi che il Vermont con la sua natura selvaggia e romantica sia il posto giusto per far rinascere l’ispirazione di Victoria, la donna si ritrova a dividere la sua vita con Nath che, a sua volta, si vede costretto a ospitarla contro la sua volontà. È il prezzo da pagare se vuole salvare la fattoria dalla rovina. Infatti, in cambio dell’ospitalità, Victoria dovrà versare sul conto di lui un quarto dei profitti ricavati dalle vendite del suo libro. È la condizione posta dal grillo parlante Susan, convinta che questo sia il solo modo per rimettere in piedi il fratello. 

Non potrebbero esserci due individui più diversi fra loro, ma se un paesaggio da cartolina e delle graziose lentiggini ci mettono lo zampino, forse anche il più orgoglioso degli uomini e la più testarda delle donne possono piegarsi all’amore. Oppure no? Tutto da vedere, perché fattori esterni non rendono affatto facile la vita a nessuno dei due. 

Ho riletto con piacere l'opera di Angela, ormai conscia che lei difficilmente si abbandona al romanticismo fine a sè stesso.
Ho avuto piacere di ritrovare Nath e Victoria e di rifarmi quattro risate. 
Nath all'inizio  lo avrei ammazzato. Arrogante, spocchioso, la lite che ha subito con la sorella non contribuisce a mostrarci un virtuoso. Poi è anche strano di suo: è un fattore, vegano e nemico della tecnologia! Però leggendo scopriamo un uomo che non scende a compromessi, fedele a se stesso ed ai propri valori, una persona fidata, concreta che non cerca di addolcire la pillola e che proprio per questo è da avvicinare, disprezza le apparenze e gli schizzinosi. Motivo per cui l'incontro con Victoria è focoso... Lei sembra perfettina, sicuramente è maniaca del controllo e della pulizia e Nath le sembra solo un buzzurro, anche se finirà man mano per apprezzare molti dei suo tratti caratteriali.

Recensione Il senso del dolore-L'inverno del commissario Ricciardi di Maurizio De Giovanni

Trama: Il romanzo del possesso.

Il talento infinito, l'amore del pubblico, la devozione delle donne, l'amicizia dei potenti: e Arnaldo Vezzi, il piú grande tenore del suo tempo, crede di essere un dio. Quindi si prende quello che vuole, se ne serve e lo getta via; calpesta cuori e anime; deride, distrugge. Tutto deve essere suo, nulla gli si può rifiutare. Ma un dio può non essere immortale.

Maurizio De Giovanni è un noto autore nostrano, ma di un genere cui io mi accosto davvero saltuariamente, non essendo il preferito.
All'inizio ho un pò faticato ad entrare nella storia, a volte anche in corso di narrazione, che è un pò diversa da quelle cui sono avvezza.
Invece la storia merita molto!
Protagonista è Luigi Alfredo Ricciardi, uomo di nobili origini, che le rinnega, fa di tutto per insabbiarle e lavora come commissario presso la squadra mobile della regia questura di Napoli, deciso a risolvere i casi di omicidio che gli si presentano. Ed è bravo, molto, ma nessuno sa che lui sente la frase ultima che i morti rivolgono al mondo prima di morire e su questo si basa la sua indagine. Sapessero, lo internerebbero (anche nel 2017, pensiamo nel 1931.)! Sua fedele spalla è il brigadiere Raffaele Maione, unico della questura ad apprezzare questo commissario freddo, asociale e "anormale", qualcuno (ad esempio il vicequestore Garzo, che è pure leccapiedi dei potenti) teme sia un arrivista, altri lo evitano proprio.

Recensione de I racconti degli Speciali di Ransom Riggs

Trama: Quella degli Speciali è una storia antica, che comincia molto prima dell'arrivo di Miss Peregrine; è una storia che riecheggia misteri e stravaganze, ed è custodita in questa raccolta di racconti curata proprio da uno Speciale, Millard Nullings, il ragazzo invisibile ospite della casa di Miss Peregrine. All'interno di queste storie dal retrogusto fiabesco, e talora venate da un'atmosfera gotica, si muovono personaggi fantastici, spesso spaventosi, ma anche divertenti e assolutamente bizzarri: una principessa squamosa dalla lingua biforcuta; una ragazzina spericolata, amica degli incubi; un ragazzo capace di parlare al mare; e una strampalata comunità di facoltosi e raffinati cannibali. Tutti ci accompagnano in un singolare viaggio agli albori della società degli Speciali, trasportandoci nella sala macchine di un universo parallelo e affascinante.

Questa raccolta di racconti degli Speciali è una vera chicca per chi ha amato la trilogia di Miss Peregrine.
Alcuni di essi ( I piccioni di Saint Paul e Il racconto di Cuthbert) li abbiamo già incontrati nella trilogia, per chi l'ha letta.
La maggioranza invece per me sono stati una novità ed un'ondata di acqua fresca (che col caldo mica guasta..).

06/06/17

Recensione di La tristezza ha il sonno leggero di Lorenzo Marone

Trama: Erri Gargiulo ha due padri, una madre e mezza e svariati fratelli. È uno di quei figli cresciuti un po' qua e un po' là, un fine settimana dalla madre e uno dal padre. Sulla soglia dei quarant'anni è un uomo fragile e ironico, arguto ma incapace di scegliere e di imporsi, tanto emotivo e trattenuto che nella sua vita, attraversata in punta di piedi, Erri non esprime mai le sue emozioni ma le ricaccia nello stomaco, somatizzando tutto. Un giorno la moglie Matilde, con cui ha cercato per anni di avere un bambino, lo lascia dopo avergli rivelato di avere una relazione con un collega. Da quel momento Erri non avrà più scuse per rimandare l'appuntamento con la sua vita. E deciderà di affrontare, una per una, le piccole e grandi sfide a cui si è sempre sottratto: una casa che senta davvero sua, un lavoro che ama, un rapporto con il suo vero padre, con i suoi irraggiungibili fratelli e le sue imprevedibili sorelle. Imparerà così che per essere soddisfatti della vita dobbiamo essere pronti a liberarci del nostro passato, capire che noi non siamo quello che abbiamo vissuto e che non abbiamo alcun obbligo di ricoprire per sempre il ruolo affibbiatoci dalla famiglia. E quando la moglie gli annuncerà di essere incinta, Erri sarà costretto a prendere la decisione più difficile della sua esistenza.

Uno straordinario romanzo sulla famiglia allargata italiana dei nostri giorni, che racconta quanto le persone che ci circondano influenzino la nostra vita, tendendo a plasmare il nostro carattere e ad assegnarci un ruolo. Fino al giorno in cui capiamo che se non vogliamo vivere una vita che non ci appartiene, occorre ribellarsi a chi ci ama. 

Questo è il secondo libro di Lorenzo Marone cui mi approccio e devo dire che l'esperienza è stata gradita. Forse ancora di più di "Magari domani resto"che è uno splendido libro, intendiamoci. Però, però.. qui c'è la marcia in più!
Erri è un quarantenne napoletano che all'improvviso scopre che la moglie, Matilde, lo tradisce. E glielo dice pure lei in faccia e con crudezza. Sicuramente l'esito di una lunga ricerca di un figlio mai arrivato ha messo in crisi la coppia. Aggiungiamoci che Erri non è esattamente piacente e comunicativo e la bomba esplode.

Recensione di La biblioteca delle anime di Ransom Riggs

Trama: L'avventura cominciata con Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali, e proseguita con Hollow City, trova, in questo terzo libro, un finale eccitante, pieno di suspense. Jacob, il protagonista sedicenne, che ha appena scoperto di essere dotato di un nuovo, straordinario potere, intraprende un rocambolesco viaggio per andare a salvare i suoi amici Speciali tenuti prigionieri in una fortezza apparentemente inespugnabile. Con lui ci sono l'adorata Emma Bloom, la ragazza capace di creare il fuoco con la punta delle dita, e Addison MacHenry, il cane dotato del fiuto giusto per seguire la traccia lasciata dagli Speciali rapiti. Insieme, i tre si lasciano alle spalle la Londra moderna per infilarsi nei vicoli labirintici di Devil's Acre, i bassifondi più abietti dell'Inghilterra vittoriana: infatti, sarà proprio qui che il destino dei ragazzi Speciali di ogni luogo ed epoca dovrà essere deciso una volta per tutte.

Come i primi due romanzi della saga, La biblioteca delle anime è un fantasy ad alto tasso di emozione impreziosito da bizzarre fotografie vintage: un'esperienza di lettura irripetibile. 

Eccoci giunti alla fine, questa è proprio la resa dei conti!
Jacob ed Emma si trovano dispersi a Devil's Acre, ma grazie a Sharon, losco Speciale pieno di risorse, vengono salvati da una follai inferocita di Speciali mal ridotti proprio sotto il quartier generale degli spettri.
Questi li porta dal signor Bentham, la cui identità ora non rivelerò, con cui inizialmente i ragazzi non vogliono avere a che fare (specialmente dopo aver visto la sua bizzarra collezione), ma ben presto i due dovranno rivedere le loro posizioni perchè questo nuovo personaggio possiede risposte che i ragazzi non potrebbero trovare altrimenti, tra cui come accedere al quartier generale degli spettri.
Conosceremo anche una Speciale, Mother Dust, capace di curare con la polvere del suo corpo con l'effetto collaterale di consumarsi poichè usa letteralmente se stessa. Emma e Jacob devono la vita alle sue arti.

Recensione di Il figlio di Nettuno- Eroi dell'Olimpo di Rick Riordan


Trama: Percy si risveglia da un lungo sonno e non ricorda nulla di sé, a parte il proprio nome. Perfino il Campo Mezzosangue gli sembra un luogo estraneo, e l'unica traccia che riesce a evocare dal passato è una ragazza: Annabeth. Hazel dovrebbe essere morta, ma è più viva che mai. Ora, a causa di un terribile errore commesso nella sua vita precedente, il futuro del mondo è in pericolo. Frank discende da un dio, secondo i racconti di sua madre, eppure lui non ne è affatto convinto: quando si guarda allo specchio vede un ragazzo goffo e paffuto. Ma ora che si ritroverà coinvolto nella nuova missione di Percy Jackson e dovrà spingersi fino ai ghiacci dell'Alaska per salvare il mondo dall'ira della divina Gea, dovrà credere in se stesso più che mai. Percy Jackson torna con una nuova avventura, in cui i semidei della mitologia greca e romana dovranno unirsi per difendere la Terra e risolvere la misteriosa Profezia dei Sette.

In questo secondo episodio di Eroi dell'Olimpo vediamo la storia dall'altra faccia della medaglia.
Se nel primo volume conosciamo Jason, membro del campo romano Giove, privo di memoria e costretto ad avere a che fare coi greci ed il campo mezzosangue in merito alla profezia dei sette, qui incontriamo Percy Jackson, il celebre protagonista della prima saga, che finisce al campo romano. 
Ovviamente, le vicende non sono esattamente identiche. Percy rimane addormentato a lungo per poi svegliarsi privo di ricordi ed incorrere in due gorgoni che continuano a riformarsi dopo essere state uccise. Finalmente intravede la salvezza in due ragazzi di guardia ad un ingresso visibile solo a chi è in grado di vedere oltre la foschia, peccato che il nostro eroe trovi sulla sua strada Giunone sotto mentite spoglie (si presenta come una mendicante vecchia) che pretende di essere salvata e portata con loro, complicando le cose.