08/02/13

Recensione de Il Veleno sulle Labbra di Lauren Oliver


Il veleno sulle labbra, in lingua Hana, è uno shot dedicato alla saga Delirium di Lauren Oliver.
Nel mondo creato dall'autrice a 18 anni è programmata per tutti i ragazzi la procedura per curare il Delirium Amoris Nervosum, ovvero la capacità di amare, grande malattia capace di distruggere equilibri e nazioni e quindi estremamente dannoso.

Se in Delirium conosciamo Lena, colei che non vede l'ora di essere curata e che poi si innamora dell'Invalido (colui che non è curato e proveniente dalle Terre Selvagge, un territorio oltre Portland, città dove si svolge la storia e sede della resistenza) Alex, una guardia in incognito, qui approfondiamo un poco più di 50 pagine la personalità di Hana.



Hana è l'amica di Lena, la sua migliore amica. Ma purtroppo la crescita e l'avvicinarsi della cura non permette alle due di continuare normalmente la loro amicizia e si allontanano. Basterebbe parlare, però in una società che vede segni di malattia in un abbraccio o in confidenze troppo ricercate è un attimo tradirsi e passare per infetti.

Così le due si allontanano sempre più, soffrono per questa distanza e vivono separatamente le loro esperienze, convinta che l'altra non approverebbe. Hana, spregiudicata che vuole un vortice di emozione prima della cura, e Lena, l'amica terrorizzata dal morbo, ligia alle regole che si innamora di Alex e per cui rischia il tutto per tutto.

Scopriamo che Hana non  è tanto sicura come vuole far credere. Ha un cuore sensibile e non solo festaiolo e controcorrente, si preoccupa anche lei della cura al morbo, ma nel frattempo vuole vivere, sperimentare, giocare, amare. Partecipa a feste clandestine col rischio di essere scoperta e curata anzitempo. SI innamora di un certo Steve, che la deluderà. E lei, non sapendo quanto sia normale vivere e ricevere delusioni, si sente pentita di aver rischiato tutto per nulla, per un gioco inutile che le avrebbe arrecato solo guai in un mondo dove la malattia amorosa è il più grave crimine assieme alla resistenza ad esso legata.

E vorrebbe Lena vicina. La Lena che crede sopra tutto, conscia delle regole che le indicherà la via. Purtroppo scopre che il suo mito è caduto più in basso di lei. E' infetta. Di Alex. E si sente tradita, tenuta all'oscuro ed al contempo ammirata.

Poi la storia prosegue per come la conosciamo da Delirium.

Il libro è disponibile solo in ebook e, buona notizia, costa 0.99 centesimi!

Sotto la cover di Annabel, shot dedicato alla madre di Lena che a malapena sentiamo nominare in Delirium. Qui viene narrata la sua giovinezza, quando le norme contro la malattia erano meno rigorose e capiremo da chi Lena abbia preso il suo carattere deciso!
Se tutto prosegue come per Hana-Il veleno sulle labbra questo volume uscirà ancora in ebook e si spera a poco! Al momento è disponibile solo in lingua... A breve comunque saremo deliziati dall'uscita in italiano di Pandemonium , prevista per la prossima primavera.

4 commenti:

  1. non ho ancora letto Delirium..si lo so sono pessima..ce la farò prima o poi..terrò conto pure di questo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah sapessi quanti ne mancano a me:XD

      Elimina
  2. Ci sei rimasta male alla fine? :P
    Io ero tipo O_O OMG! LOL
    Non vedo l'ora di leggere anche Annabel *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbastanza! Le mie risposte tendevano anche al poco lusinghiero! Insomma la Oliver come SEMPRE ci da tanti pensieri sui suoi finali!

      Elimina