19/03/17

Recensione di I segreti di Amber House di Kelly Moore, Larkin Reed e Tucker Reed

Trama: Quando Sarah, suo fratello e la loro algida madre si stabiliscono ad Amber House, la ragazza rimane ammaliata dal fascinoso Richard, che la introduce in un mondo di ricchezze e privilegi, ma è anche attratta dall'enigmatico Jackson, che la coinvolge in un'eccitante caccia ai diamanti scomparsi. Sarah scopre di riuscire a "vedere" la storia della casa e delle persone che vi hanno abitato: vede sua madre da ragazza, incredibilmente affettuosa e felice, o il crudele capitano di mare che perse il tesoro tanti anni prima. E ricomponendo piano piano tutti i pezzi del mosaico, scopre che Amber House nasconde molti segreti, antichissimi crimini e più recenti tradimenti. Dove sono nascosti i diamanti? Chi è responsabile dell'infelicità di sua madre? E quale tragedia riecheggia ancora nelle stanze della casa? Sarah ha bisogno di risposte, in fretta. Perché le sue visioni minacciano la persona che ama di più e lei deve districare la ragnatela del passato, prima che sia troppo tardi.

Amber House è un romanzo particolare. Innanzitutto è nella sezione kids Feltrinelli e secondo me non è kids al 100%. Inoltre è nato tutto da una vecchia bozza di Kelly Moore che le figlie hanno riesumato e voluto completare. Per il resto bisogna leggerlo.
La protagonista è Sarah Parsons e gli eventi iniziano quando lei, la madre ed il fratellino Sam devono presenziare al funerale della nonna, Ida McGuinness. La madre, donna algida ed acida, non vede l'ora che tutto sia concluso e di cominciare le operazioni di vendita e smantellamento degli averi della madre. Non vorrebbe nemmeno stare li per quel poco tempo di cui necessitano, ma, su insistenza dei figli si fermeranno lì per il soggiorno, prolungandolo anche un poco per altri motivi.
 Sarah fa amicizia con Richard, figlio del senatore Hathaway, e con Jackson, nipote di Rose, amica ed infermiera della defunta. Il primo è affascinante, mentre il secondo è spontaneo e generoso e crede a Sarah quando lei gli dice che vede il passato della casa, cosa cui molti la liquiderebbero con un sospetto di pazzia, cosa affatto poco comune nella sua famiglia.
Infatti Sarah inizia a scoprire cose che non dovrebbe e che sa essere vero sul passato di casa, notizie e fatti vecchi anche di decenni o secoli. C'è un grande mistero nella casa.
Questo romanzo è stato fantastico! Semplice, ma sempre capace di mantenere alta la curiosità e ribadisco che a me non sembra affatto una storia per ragazzini. Alcune scene secondo me sono forti, poi c'è chi dice che "i ragazzi sono troppo svegli oggi".
Amo il modo in cui la storia non sia affollata di personaggi eppure che sia credibile. La sensazione di mistero è sempre presente e magnifica, sono meravigliata anche io circa le scoperte sulla casa e sul suo giardino. Le parti in cui compare Richard mi annoiano un pò. E' il classico bamboccio viziato anche se non perfido. La madre di Sarah non parliamone, da farla arrabbiare solo per il gusto di far scomporre un pò quel viso algido. mentre Jackson e Sam sono i migliori. Sam è il fratellino di Sarah, nato con autismo, ma sorprendentemente acuto e più sveglio di chi è ritenuto normale. Sembra che la sorella gli faccia da genitore, più della madre stessa. Mentre Jackson è sempre provvidenziale e gentile, ma non un zerbino.
Non possono mancare le citazioni sullo schiavismo poichè il romanzo è ambientato in Maryland.
Il finale è sensazionale e ribalta le carte in tavola, ma in maniera intrigante, non come certi romanzi che quando lo fanno ti arrabbi perchè ti sembra di aver letto il libro per niente.


1 commento:

  1. Adoro i romanzi che celano misteri familiari e segreti del passato!
    Credo proprio che lo leggerò!
    Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog e mi sono immediatamente unita ai tuoi lettori fissi!
    Se ti va di ricambiare ti aspetto da me!
    Un bacio
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina